venerdì, Maggio 24, 2024

«Ciao Luis Sepulveda,
la tua gabbianella
ispirò il nostro video sulla libertà»

MACERATA - Gli alunni e le alunne dell'istituto Fermi vinsero nel 2017 un premio nazionale grazie al cortometraggio ispirato all'opera dello scrittore cileno, morto oggi a causa del Coronavirus

gabbiano_gabbianella_luis_sepulveda

E’ stato proprio Luis Sepulveda, lo scrittore cileno, morto oggi dopo aver contratto il coronavirus, ad ispirare due anni fa, durante l’anno scolastico 2016-2017 gli alunni della classe 1°A della scuola secondaria “E. Fermi” di Macerata, nella realizzazione di “VoliAmo”. In particolare il cortometraggio che vinse il primo premio al festival short film  di Santa Marinella nella sezione scuola era basato su una delle opere più famose di Sepulveda, “La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare”.
Oggi il cortometraggio è stato ricondiviso  da insegnanti, alunni e alunne che presero parte a quel progetto e che apprezzarono ancora più a fondo lo scrittore. Un modo per dirgli “ciao”. 

luis_sepulveda
Luis Sepulveda

BIOGRAFIA – Luis Sepúlveda Calfucura è nato a Ovalle, il 4 ottobre 1949 ed è morto oggi a Oviedo a 70 anni. E’ stato uno scrittore, giornalista, sceneggiatore, poeta, regista e attivista cileno naturalizzato francese.

Nato in Cile, Sepúlveda ha lasciato il suo Paese al termine di un’intensa stagione di attività politica, conclusasi drammaticamente con l’incarcerazione da parte del regime del generale Augusto Pinochet. Ha viaggiato a lungo in America Latina e poi nel resto del mondo, anche al seguito degli equipaggi di Greenpeace. Dopo aver risieduto ad Amburgo e a Parigi, è andato a vivere in Spagna, nelle Asturie.

Autore di libri di poesia, «radioromanzi» e racconti – oltre allo spagnolo, sua lingua madre, parlava correttamente inglese, francese e italiano – ha conquistato la scena letteraria con il suo primo romanzo, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, apparso per la prima volta in Spagna nel 1989 e in Italia nel 1993. Amatissimo dal suo pubblico, in particolare dai lettori italiani, ha pubblicato da allora numerosi altri romanzi, raccolte di racconti e libri di viaggio, tra i quali spicca Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare.

Il suo ultimo romanzo pubblicato in Italia è ‘La fine della storia’ e l’ultima favola ‘Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa’. La produzione favolistica era iniziata nel 1997 con ‘Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare’, pubblicata da Salani e poi da Guanda cui sono seguite fra l’altro ‘Storia di un topo e del gatto che diventò suo amico’ e ‘Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà’.

“La diversità è un privilegio”: premio nazionale per il video sull’immigrazione

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie