mercoledì, Luglio 24, 2024

Robot, nuovi strumenti di educazione

RECANATI - Più di 250 partecipanti alla giornata promossa dall'ufficio scolastico regionale in collaborazione con le 4 università delle Marche

 

laboratorio-robotica-1
Un momento della manifestazione

Si è svolta a Recanati la giornata di studi per approfondire le tematiche inerenti alla robotica educativa come strumento per lo sviluppo di bambini, bambine, ragazzi e ragazze, realizzato in collaborazione dall’ufficio scolastico regionale delle Marche, dalle quattro università, dall’istituto comprensivo “B. Gigli” di Recanati e dai Coderdojo di Recanati, Osimo e Ancona. Alla giornata, ospitata dal comune di Recanati nel suo teatro, hanno preso parte oltre 250 partecipanti, provenienti dalla regione.

Dopo i saluti del sindaco Antonio Bravi e dell’assessora alle Culture Rita Soccio, la mattinata è stata introdotta dal Direttore Generale Marco Ugo Filisetti e ha avuto come relatori Beatrice Miotti e Giovanni Nulli, tecnologi di Indire, che hanno illustrato le attività dell’istituto ed hanno riportato una breve storia della nascita della robotica educativa. Subito dopo hanno relazionato docenti delle quattro Università marchigiane.

Alessandro Bogliolo dell’Università Carlo Bo di Urbino ha spiegato con numerosi esempi e analogie la differenza tra “Analogico e digitale”, il professor Rosario Culmone , docente dell’ Università degli Studi di Camerino ha riportato all’attenzione del pubblico l’evoluzione  della modalità di programmazione “Dal Logo a Scratch”. Il professor Piergiuseppe Rossi dell’Università degli Studi di Macerata ha trattato la delicata tematica del rapporto tra l’essere umano e i robot con “Dalla robotica educativa alla robotica sociale” ed ha mostrato come i robot vengono impiegati per l’assistenza agli anziani o per coadiuvare l’insegnante in classe, raccontando un’esperienza in aula con gli studenti dell’università. Il professor David Scaradozzi dell’Università Politecnica delle Marche ha centrato la sua relazione sulla “Misurazione e classificazione delle esperienze di robotica educativa nella Scuola Primaria e Secondaria”.

laboratorio-robotica-16Ha coordinato la conferenza la professoressa Paola Nicolini dell’Università degli Studi di Macerata, intervallando e collegando i diversi interventi con osservazioni e commenti di stampo psico-pedagogico.Nel pomeriggio invece, presso la scuola “M. L. Patrizi” dell’I.C. “B. Gigli”, i corsisti hanno potuto seguire i venti laboratori condotti da esperti individuati dalle aziende sponsor e da formatori coordinati dalle quattro università coinvolte.

Particolarmente coinvolgente è stato il laboratorio condotto dal professor Zanetti del liceo scientifico “Don Bosco” di Verona e dalla sua squadra “Tech no Logic”, campione del mondo alla First Lego League a Houston e seconda qualificata tra 40.000 squadre al Global Innovation Arward a San Josè, California. Questi straordinari ragazzi, a Recanati già da alcuni giorni, hanno raccontato della loro esperienza e hanno spiegato ai corsisti come fare per partecipare alle gare di robotica.

laboratorio-robotica-17

La professoressa Irene Marzoli (Unicam) e il liceo “Leopardi” di Recanati hanno presentato le esperienze dei laboratori di robotica educativa con utilizzo di sensori collegati alla scheda Arduino, per l’innovazione nella didattica della fisica e della pratica di laboratorio.

Il “Re del Coding”, professor Alessandro Bogliolo di UniUrb, ha condotto due laboratori: uno con CodyColor ovvero una gara tutti contro tutti per spingere la riflessione al di là dell’apparente semplicità di un gioco di coding e l’altro per la scuola primaria “Coding unplugged: il robot sei tu”.

laboratorio-robotica-9Il professor Davide Scaradozzi (UnivPM) ha condotto i laboratori sugli strumenti innovativi ed i piani didattici di robotica educativa per l’inserimento della roboetica, dell’Internet delle cose e delle strategie di automatica a livello curriculare sia per le scuole del primo ciclo che per quelle del secondo ciclo di istruzione.

La professoressa Nicolini (UniMC) ha condotto il laboratorio di Robotica, storytelling e organizzazione temporale e spaziale, problem solving” per le scuole del primo ciclo, mentre con Stefania Giaché del Comprensivo Bruno da Osimo e Coderdojo Osimo, ha presentato come si possa fare arte con la robotica.

Non da meno sono state le proposte laboratoriali delle aziende: Tamara Lapucci e Sara D’Angelo hanno presentato “Sbagliando si impara: esperienze pratiche per un approccio laboratoriale alle discipline classiche con Mind” e “Dallo Stem allo Stream: coding e storytelling con Superdoc per un approccio interdisciplinare in classe” con molti spunti per i docenti presenti.

laboratorio-robotica-2La ditta rappresentante da anni della Apple, ha invece illustrato come utilizzare l’Ipad per fare lezione in maniera coinvolgente e significativa.

Un’azienda recanatese di editoria scolastica ha portato per i laboratori due straordinarie formatrici: Isabella Zen con il laboratorio di creatività digitale con Sam Labs e Caterina Moscetti  con un  workshop di creatività narrativa e robotica in cui personaggi e luoghi prendono vita grazie alla fantasia e al codice, ovvero robotica e storytelling.

L’associazione Talent, che si occupa di divulgazione scientifica ed è nota per gli straordinari laboratori che conduce in molte scuole, ha proposto esperienze pratiche con Robotica con Python e Lego Mindstorms Ev3 e con Robotica e Tinkering con Sam Labs. A condurre i laboratori Lorenzo Cesaretti e Federico Camilletti.

L’azienda Kunstech di Castelfidardo ha presentato invece il workshop “Applicazione del Raspberry nella didattica: curriculi verticali, esperienze di successo e possibilità di sviluppo.”  i cui relatori sono stati: R.Lulli, E. Svampa (Kunst Engineering Srl), A. Montanari (Farnell Italia Srl).

laboratorio-robotica-11Contemporaneamente, nell’Aula Magna della scuola l’ispettrice Scocchera ha premiato le migliori buone pratiche delle scuole della Regione.

Le scuole premiate per il primo ciclo sono state: IC “Fernanda Imondi-Romagnoli” – Fabriano,“Costruzione di una diga programmabile con sensori e utilizzo di Realtà Aumentata per lo studio del percorso sorgente/foce del fiume”, IC “Centro” – San Benedetto del Tronto “Il nostro amico m-Bot”, IC “nord” San Benedetto del Tronto. “Giocando s’impara. Fare per apprendere. Apprendere per fare”  , IC “Solari” – Ancona “Digital Solari: coding, robotica e stampa 3D” , IC “Beniamino Gigli” – Recanati,“Digital Solari: coding, robotica e stampa 3D” ,“Gatto Nero e Gatta Bianca: raccontiamo con Coko” ,“A zonzo per l’Italia “,“Speaking e coding con la robotica educativa” ,“Tombolo conosce il buio e…il coding”. Mentre per il secondo ciclo il primo premio è andato all’iis “Volterra Elia” “Crescere con la robotica”, seguita da IIS “Enrico Mattei” – Recanati “Scorbot III gioca a scacchi”, dall’iis “Savoia- Benincasa” – Ancona “Nao with you”, dell’ IIS “Marconi-Pieralisi” – Jesi “A spasso con Roberta”, dall’iis “Podesti – Calzecchi Onesti – Ancona “Riscopriamo il piacere della matematica con i robot”.

 

laboratorio-robotica-17

laboratorio-robotica-15

laboratorio-robotica-14

laboratorio-robotica-13

laboratorio-robotica-12 laboratorio-robotica-10 laboratorio-robotica-7 laboratorio-robotica-6 laboratorio-robotica-5 laboratorio-robotica-4 laboratorio-robotica-3 laboratorio-robotica-2

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie