sabato, Luglio 13, 2024

Parte da Milano e arriva a Visso
la grande solidarietà dei piccoli

SISMA - Gli studenti del De Andreis si sono organizzati mostrando grande intraprendenza per raccogliere fondi per aiutare l'associazione Sibillini lab ad aprire una ludoteca nel comune terremotato

FOTO-Ilenia-Cappa-fondatrice-di-Sibillini-Lab-riceve-lassegno-dai-ragazzi.-min
Ilenia Cappa, fondatrice di Sibillini Lab, riceve l’assegno dai ragazzi dell’istituto comprensivo De Andreis a Milano

Una donazione di 4,600 euro è arrivata a Sibillini Lab per il progetto di costruire una ludoteca a Visso. L’associazione ideatrice e proprietaria del “marchio Visso” e impegnata nel processo di sviluppo e promozione di Visso, Ussita e Castelsantangelo sul Nera. La somma è frutto dell’impegno messo dai ragazzi della scuola secondaria dell’I.C. De Andreis del Plesso Ascoli di Milano nell’iniziativa Questo non è gioco” ideata dagli alunni dell’Ascoli per aiutare una delle zone più colpite dal violento sisma. L’intraprendenza e l’inventiva dei ragazzi sono state un grande motore hanno organizzato di tutto: vendita di merende che i ragazzi hanno richiesto ai commercianti della zona, realizzazione di segnalibri, spettacoli teatrali e musicali, uno spot, la vendita di piantine, l’organizzazione di giochi durante la pausa della mensa e anche un virtual tour di Milano.
“Ringrazio i ragazzi e i loro docenti per l’impegno profuso in questa iniziativa. Si tratta di un importante gesto di altruismo che, oltre a fornire un aiuto concreto alla nostra popolazione, è anche segno della crescente consapevolezza dell’esistenza di tante piccole realtà come la nostra che necessitano di maggiore visibilità per rimettere in moto la filiera turistica, su cui si fonda gran parte dell’economia locale. Tutto ciò ci aiuta a proseguire con ancora più determinazione e coraggio nel delicato processo di ricostruzione» afferma il presidente dell’Associazione, Federica Dominici. Molto soddisfatta anche la professoressa Alessandra Boscolo, Vicaria della Dirigente dell’I.C. De Andreis: “è stata una grande occasione non solo per compiere un’azione solidale a favore di una parte d’Italia che ne ha grande bisogno, ma anche per comprendere e attuare alcuni valori alla base del nostro percorso educativo. I ragazzi hanno infatti sperimentato in prima persona i concetti di altruismo e riconoscenza, sviluppando alcune competenze certamente utili in qualsiasi tipo di percorso futuro”.  “Ci auguriamo pertanto – conclude Boscolo– che il nostro aiuto possa essere funzionale al percorso di restituzione dei luoghi di socializzazione di cui ogni comunità, e soprattutto la sua parte più giovane, necessita per crescere in armonia”.

Articoli correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie