Campionati di debate,
il “Filelfo” si fa valere

Campionati di debate,
il “Filelfo” si fa valere

0

TOLENTINO – Unica scuola delle Marche ad aver partecipato alle competizioni sia in lingua italiana sia in lingua inglese, l’istituto ha ottenuto ottimi risultati

debate-1-1024x768

Quest’anno l’Iis Filelfo si è distinto nei campionati di debate, unica scuola delle Marche ad aver partecipato alle competizioni sia in lingua italiana sia in lingua inglese. I primi a dibattere sono stati i componenti della sezione in inglese, Leonardo Papa, Emanuele Petteruti, Natalia Schiavoni e Daniele Spalvieri, che il 28, il 29 febbraio e 1 marzo hanno dibattuto online con scuole provenienti dalla Lombardia, dalla Puglia e dalla Sicilia, dimostrando ottime capacità di discussione e di confronto in lingua inglese, classificandosi al 76° posto su 138 squadre provenienti da tutta Italia.

debate-4-1024x768Un plauso particolare va a Natalia Schiavoni, che ha conquistato il 37° posto della classifica generale degli speakers, su un totale di 464 studenti partecipanti. L’altra squadra dell’Iis Filelfo, composta dalle studentesse Deida Ago, Elisabetta Casadidio, Ludovica Fidani e Giulia Marcazzan, ha partecipato alla selezione regionale in lingua italiana dibattendo ad Ancona, presso l’Iis “Savoia – Benincasa” l’8 marzo, aggiudicandosi il secondo posto in classifica. In entrambe le occasioni gli studenti del “Filelfo” si sono distinti per impegno e preparazione raggiungendo risultati significativi, grazie anche alla competenza degli studenti curata dalla professoressa Marcella Borgiani, supportata per la parte in inglese dalla professoressa Rossella Di Franza.

debate-2-768x1024Il debate è una nuova e coinvolgente metodologia, che sta prendendo sempre più piede nelle scuole di tutta Italia. L’attività consiste nel discutere un tema controverso e attuale assumendo la posizione pro o contro rispetto a una mozione data. I partecipanti, divisi nei due team (pro e contro) si preparano ricercando documenti, notizie, evidenze e dati utili a sostenere la loro linea argomentativa e a convincere la giuria. Fondamentali per ottenere la vittoria risultano le capacità oratorie dei debaters, le argomentazioni portate a favore della propria tesi e una strategia vincente. Tutto ciò avviene attenendosi a un regolamento che stabilisce la durata degli interventi degli speakers, la possibilità di porre domande e le modalità per concludere gli interventi di ciascun team con un’accattivante arringa finale, il momento forse più complesso dell’intera competizione. Il circuito competitivo è organizzato dalla Società Nazionale Debate Italia, in collaborazione con la rete We debate, la cui scuola capofila è l’Ite “E. Tosi” di Busto Arsizio.



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.