martedì, Giugno 18, 2024

“Pierino e il lupo”,
la Form al Lauro Rossi

MACERATA - L'orchestra filarmonica marchigiana si esibirà domenica 5 febbraio, lo spettacolo dedicato ai bambini, alle bambine e alle loro famiglie

 

Teatro-Lauro-Rossitagl-e1627404837512
Il teatro Lauro Rossi

Fine settimana dedicato ai più piccoli e alle famiglie, a Macerata: domenica 5 febbraio l’Orchestra filarmonica marchigiana si esibisce al teatro Lauro Rossi con il family concert Pierino e le altre storie. L’appuntamento, realizzato in collaborazione con l’Amministrazione, è incentrato sulla più celebre e amata opera musicale per l’infanzia: il Pierino e il lupo di Prokof’ev, fiaba musicale scritta per divertire i piccoli e nello stesso tempo per introdurli alle magie della “tavolozza orchestrale”. Introduce la serata un altro celebre brano legato al mondo della fiaba: L’apprendista stregone di Dukas, scherzo sinfonico ispirato all’omonima ballata di Goethe noto ai più piccoli per essere stato rappresentato da Walt Disney in uno degli episodi del film di animazione Fantasia, dove a vestire i panni del maldestro apprendista cui sfugge il controllo della bacchetta magica sottratta all’ignaro stregone era il grande, simpaticissimo Topolino.

La Form, la colonna sonora delle Marche, viene diretta da Aram Khacheh, giovane direttore, tra i fondatori del Bazzini Consort, di cui è attualmente direttore artistico e musicale, mentre la voce recitante è di Lucia Palozzi, attrice e autrice che collabora con la compagnia Teatro giovani teatro pirata (Tgtp) e con l’Orchestra per i family concert. Il concerto è fuori abbonamento, con biglietto unico a 5 euro.

Biglietteria dei Teatri: 0733230735, piazza Mazzini 10, aperta dal martedì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 19.30 (festivi esclusi), boxoffice@sferisterio.it. Form: 071206168, info@filarmonicamarchigiana.com.

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie