martedì, Giugno 18, 2024

Studentessa modello maceratese
vola in British Columbia
per un “segno del destino”

MACERATA - La studentessa del liceo classico Leopardi ha ricevuto una borsa di studio Wep e parteciperà al Programma Exchange High School

WEP_ConsegnaBorsaDiStudio_Ludovica-Cianconi

Ludovica Cianconi, studentessa diciassettenne di terza superiore, è stata scelta come destinataria di una borsa di studio Wep. La studentessa modello ha deciso di trascorrere cinque mesi in British Columbia (Canada) nell’inverno 2023 con il Programma Exchange High School. Sabato al liceo “Giacomo Leopardi” di Macerata, alla presenza del professor Lorenzo Giovanni Raffo, le è stata consegnata una borsa di studio Wep. L’organizzazione leader nel settore degli scambi culturali e linguistici nel mondo “Wep” offre anche quest’anno agli studenti più brillanti e meritevoli borse di studio su tutto il territorio italiano per il programma scolastico all’estero.

Ludovica Cianconi è stata scelta in base all’esito del colloquio di selezione, per le motivazioni e la predisposizione che ha mostrato verso l’esperienza, i voti dei due anni scolastici trascorsi, l’accuratezza, la puntualità della compilazione del dossier di partecipazione e la competenza linguistica. Il valore del contributo Wep assegnato a Ludovica è di mille per premiarla del lavoro svolto durante l’anno e per agevolarla nell’accesso ai programmi scolastici. 

«L’idea del semestre all’estero è nata da mia madre, che mi ha sempre spronata a fare esperienze formative all’estero – esordisce la studentessa – Dietro la scelta della meta (Kelowna in British Columbia) c’è una storia molto curiosa. Fin da subito ero orientata verso il Canada, dato il mio amore per il freddo e gli sport invernali, ma ero indecisa tra due mete: l’incontro durante una vacanza con una famiglia metà italiana e metà canadese, più precisamente di Kelowna, è stato un “segno del destino” e mi ha spinto verso questa città. Mancano poco meno di due mesi alla partenza e ovviamente – continua Cianconi – sono un po’ in ansia; le domande che mi faccio sono sempre tante, tra cui la più importante: sono adatta a fare questa esperienza? Tuttavia, non lascerò che queste preoccupazioni ostacolino la mia voglia di sperimentare e di raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissata (conoscere meglio me stessa in primis, ma anche imparare meglio la lingua inglese e la cultura canadese e stringere nuove amicizie). Spero che in generale, alla fine di questa esperienza, possa uscirne migliorata e cresciuta»

 

Articoli correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie