martedì, Giugno 18, 2024

Giocare a scacchi e dama
per diventare buoni cittadini

GIOCO - Si è concluso il mini corso di scacchi e dama organizzato all'interno del progetto “Sport … In Comune” nato dalla collaborazione fra “La Torre Smeducci” di San Severino e i Comuni di Tolentino, San Severino e Cingoli

dama_scacchi-1-1024x768
Una lezione di scacchi

Si è concluso nei giorni scorsi il mini corso di scacchi e dama organizzato all’interno del progetto “Sport … In Comune”, nato in seno alla progettazione estiva dalla collaborazione fra la Società scacchistica “La Torre Smeducci” di San Severino e i Comuni di Tolentino, San Severino e Cingoli.
«L’iniziativa – scrive la scuola –  volta al recupero della socializzazione e degli interessi sportivo-culturali nel periodo post pandemico, ha promosso anche attività di attenzione all’ambiente e di sensibilizzazione alla raccolta differenziata con escursione in Plogging, coinvolgendo diverse scuole dei comuni sopraelencati. L’accostamento di giochi tanto antichi quali gli scacchi e la dama a tematiche attuali come la salvaguardia dell’ambiente non è casuale:

dama_scacchi-2-1024x768 infatti la pazienza, la riflessione e la capacità di mettersi in gioco necessarie  a chi siede di fronte a una scacchiera sono attitudini fondamentali per la formazione di ragazzi e ragazze chiamati ad affrontare le sfide del futuro con flessibilità e disponibilità al cambiamento». Guidati dai maestri Marco Pelagalli e Francesco Chiocchi, gli studenti e le studentesse coinvolti nel progetto si sono appassionati a questi sport che, in forma ludica, permettono di sviluppare le capacità logiche, il pensiero divergente e il problem solving. Il giocatore di scacchi, inoltre, non agisce d’impulso, ma si impegna costantemente a pianificare e a studiare gli effetti a lungo termine delle strategie messe in campo, preparandosi a diventare anche un buon cittadino di domani. Infatti, guardando alla società del futuro, basata sullo sviluppo sostenibile, vengono in mente le parole dello scacchista E. Znsko-Borovsky, “non è  una mossa, anche la migliore, che devi cercare, ma un piano realizzabile”.

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie