lunedì, Luglio 22, 2024

La corretta relazione
nell’era di internet:
scuola e famiglia dialogano

RECANATI - Elena Mini, psicologa-psicoterapeuta sistemico familiare e terapeuta Emdr, e il dottor Gabriele Garbuglia, pediatra di pluriennale esperienza e di riconosciuta competenza, giovedì hanno incontrato i genitori delle classi terze e i docenti dell’Istituto Nicola Badaloni

 

conoscere_figli_aiutarli-2-1024x461
Un momento dell’incontro

È possibile educare gli adolescenti ad una corretta elazione emotiva nell’era di internet? È il tema che si sono posti gli esperti  Elena Mini, psicologa-psicoterapeuta sistemico familiare e terapeuta Emdr, e il dottor Gabriele Garbuglia, pediatra di pluriennale esperienza e di riconosciuta competenza, che giovedì hanno incontrato i genitori delle classi terze e i docenti dell’Istituto Nicola Badaloni nella scuola primaria Le Grazie, per affrontare l’argomento e concludere il progetto di educazione all’affettività e sessualità, realizzato nella scuola secondaria San Vito ad aprile e maggio.
«Se gli incontri con gli alunni e le alunne – si legge in una nota della scuola –  hanno avuto come scopo quello di guidare i ragazzi alla comprensione dei proprie emozioni ed evitare che i cambiamenti e le trasformazioni dell’adolescenza possano essere vissute in modo negativo, l’evento che si è svolto nel plesso della scuola primaria Le Grazie è stato incentrato sulla necessità di offrire agli adulti di riferimento una prospettiva per comprendere i cambiamenti che i propri figli e alunni stanno attraversando, in un momento in cui la comunicazione e la relazione digitale appaiono preponderanti, sollecitando la ricerca di un colloquio e di una relazione educativa e formativa con i minori, che consenta loro di proteggerli dai rischi della rete, dalla violazione della loro privacy e da forme di cyberbullismo e sexting, che purtroppo oggi sono frequenti».

conoscere_figli_aiutarli-1-766x1024A tal proposito l’interessante intervento del Dottor Garbuglia ha sollevato l’attenzione del pubblico presente sull’evoluzione biologica del cervello umano, sottolineando come gli adolescenti abbiano bisogno di regole condivise con gli adulti di riferimento, poiché le aree cerebrali deputate alla pianificazione e alla decisione razionale negli adolescenti sono ancora immature
Mentre la prospettiva della dottoressa Mini ha evidenziato la necessità dell’ascolto, dell’interesse verso il mondo dei propri figli, della condivisione, della coerenza rispetto alla regola che va discussa, dell’importanza dell’esempio e della necessità di costruire alleanze educative con altri adulti di riferimento.
«In un’epoca – conclude la nota della scuola –  in cui la tecnologia digitale facilita l’accesso ai dati e la comunicazione è realizzata attraverso chat, blog, community e social, gli adulti devono essere consapevoli che gli adolescenti sono esposti a rischi sulla rete, al fine di contrastarli, ecco perché è importante che scuola e famiglia si parlino, sottoscrivendo un patto educativo di comunità, che possa proteggere i minori coinvolti, pur favorendo nei giovani lo sviluppo di una dimensione emotiva ed affettiva consapevole, in questo periodo complicato e bellissimo della vita umana».

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie