lunedì, Giugno 17, 2024

Arte contro la guerra,
le geniali opere degli studenti

CALDAROLA - Gli alunni e le alunne del terzo anno di scuola media hanno realizzato i lavori dedicandoli all'Ucraina e a tutti i popoli messi in ginocchio dalla guerra. Commozione per il sindaco Luca Maria Giuseppetti

mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra1-1024x576

Chi ha ricevuto attenzioni e solidarietà nei momenti più bui non può che ricambiare con altrettanta sensibilità e affetto chi in questo momento sta vivendo una fase tragica della propria vita, il popolo ucraino. E così Caldarola, dopo aver messo a disposizione alloggi ed espresso parole di sostegno nei confronti di chi sta subendo un’invasione, mostra ancora una volta il suo grande cuore. A farlo sono stati i giovani caldarolesi, i ragazzi e le ragazze della terza media che hanno voluto manifestare, con i loro mezzi semplici ma allo stesso modo toccanti, quanto possa essere assurda una guerra oggi.

Su iniziativa della professoressa di Arte, Mariella Feliziani, nata dopo l’incontro con i volontari di Emergency, con il pieno appoggio della dirigente Fabiola Scagnetti e la collaborazione della professoressa di Religione, Lucia Grottesi, i ragazzi e le ragazze hanno preparato una mostra dal titolo “L’amore per l’arte anziché l’arte della guerra”, un’iniziativa partita già alcune settimane fa in segno di solidarietà verso il popolo afgano, diventata ancora più sentita dopo l’invasione russa in Ucraina. La professoressa Feliziani ha mostrato le tecniche artistiche usate da Banksy e Haaring nelle loro opere di denuncia sociale, a cui si sono ispirati per allestire la mostra. Disegni, collage, gigantografie e murales per manifestare da una parte il forte dissenso contro la guerra e da quell’altra l’affetto e il sostegno ai popoli oppressi. Con orgoglio e commozione hanno voluto mostrare i loro elaborati anche agli amministratori comunali di Caldarola, il sindaco Luca Maria Giuseppetti e l’assessore all’Istruzione Teresa Minnucci. «È stato un momento toccante – ha dichiarato il primo cittadino -, nei loro occhi si leggeva tutto lo stupore e la condanna verso gesti incomprensibili di prepotenza che uno Stato sta compiendo contro un altro popolo. Unanimemente abbiamo sottolineato l’inutilità della guerra con la speranza che le nuove generazioni comprendano che da conflitti come quelli in corso in diverse parti del mondo non si ottiene altro che morte, distruzione ed impoverimento».

mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra2-576x1024
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra3-576x1024

mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra5-1024x576
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra6-1024x576
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra12-576x1024
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra11-1024x576
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra10-1024x576
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra9-576x1024
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra8-576x1024
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra7-576x1024
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra13-1024x576
mostra-studenti-3a-caldarola-contro-la-guerra14-1024x576

Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie