domenica, Maggio 19, 2024

Scrittrice, attrice e violinista
Elisa Re, l’arte oltre il liceo:
«Il tempo libero è prezioso»

INTERVISTA - La giovane studentessa del linguistico "G. Leopardi" parla di come si è avvicinata al mondo editoriale, del suo racconto che le è valso un premio, delle altre passioni che coltiva e dei suoi progetti futuri

Elisa-Re-G.-Leopardi-7-1024x682
La giovane studentessa Elisa Re

di Elisabetta Pugliese

La passione per la scrittura, la partecipazione ad un concorso letterario, la selezione del suo racconto “La distanza di un sogno” tra i vincitori, la pubblicazione nell’antologia “Racconti Marchigiani” e l’attestato di premiazione. Questo il percorso della studentessa del liceo classico linguistico “G. Leopardi” Elisa Re, che così giovane ha già ottenuto un risultato piuttosto prestigioso. E oltre a scrivere recita e suona il violino da quando aveva 9 anni. Ci racconta la nascita della sua passione, dal tema del suo racconto premiato alle sue aspirazioni per il futuro.

Elisa-Re-G.-Leopardi-6-200x300

 

Quando e come nasce la sua passione per la scrittura?
«È una domanda a cui non riesco a rispondere precisamente. Credo di averla avuta fin da bambina, mi è sempre piaciuto scrivere e ho sempre scritto. A otto anni volevo perfino diventare scrittrice, ma non so di preciso come o in che momento sia nata».

C’è qualcosa in particolare che la ispira nella sua passione?

«L’ispirazione la prendo da tutto e tutti. Rubo le caratteristiche fisiche e psicologiche che preferisco da chi conosco e le attribuisco ai miei personaggi. Osservo gli edifici delle varie città, i parchi e gli ambienti naturali, per poi assemblare il tutto come meglio credo».

Lei è una studentessa del liceo classico linguistico. Come riesce a conciliare le sue attività creative con quelle scolastiche?

«Cerco di riempire i momenti vuoti avvantaggiandomi con lo studio, sfrutto anche i week end ed evito di rimanere indietro. Il segreto sta nell’organizzazione, nell’utilizzare ogni momento libero per riuscire a fare tutto. Se ci si organizza, è fatta».

Ci parli del suo racconto “La distanza di un sogno”, di recente tra i vincitori di un concorso letterario e pubblicato nell’antologia “Racconti marchigiani”. Qual è il tema affrontato? Cosa ci vuole effettivamente per raggiungere i propri sogni?

«Nel racconto si parla di una ragazza che ha due sogni, uno è quello di tornare nelle Marche, perché in quel momento è a Milano, l’altro, che lei chiama “il piccolo sogno” è il ragazzo che le piace, che ugualmente si trova nelle Marche. Credo che i sogni siano importantissimi, uno stimolo ad andare avanti. Per raggiungerli bastano tanta testardaggine e forza di volontà: se una cosa si vuole davvero, si trova il modo e il tempo per farlo. Non esistono limiti, siamo solo noi che ce li diamo».

Quale messaggio vorrebbe trasmettere con i suoi racconti?

«Ogni volta che scrivo, che sia per me o per gli altri, mi piace sempre che ci sia un messaggio di un certo tipo. In genere cambia, in base a ciò che vivo nella mia vita. Nel caso di “La distanza di un sogno” volevo trasmettere l’idea del tempo che passa: non bisogna sprecarlo solo per la paura di un no o per timore in generale, perché poi è troppo tardi e non si può fare più nulla. Resta solo il rimpianto e un grande vuoto dentro».

Cosa ne pensano i suoi amici e la sua famiglia del fatto che si dedica alla scrittura?

«I miei amici non lo sapevano, era un mio divertimento, l’hanno saputo solo a cose fatte. Ovviamente sono stati felici per me, hanno apprezzato. La famiglia mi ha sempre sostenuto, specialmente perché i miei genitori vedono che riesco bene nel conciliare le mie passioni con la scuola, per cui ovviamene mi incoraggiano».

Elisa-Re-G.-Leopardi-5-300x200Coltiva altre passioni oltre ai racconti?

«Sì, innanzitutto questo è il terzo anno che faccio teatro con la scuola, a fine anno facciamo sempre delle rappresentazioni. Mi piace farlo, perché le emozioni che mi dà la recitazione sono uniche e indescrivibili, l’energia e l’adrenalina che ho sul palco sono una cosa che adoro. Poi si crea sempre un gruppo molto unito, questo è fantastico. Oltre a questo, suono il violino; ho iniziato da piccola, quando facevo la quinta elementare. Avevo nove anni, ho fatto la primina. Amo questa mia passione, perché credo sia incredibile la potenza che ha la musica; penso che possa dare tantissimo non solo agli ascoltatori, ma anche a chi suona uno strumento».

Cosa vuole fare da grande? Diventerà scrittrice o sogna di fare altro?

«Domanda da un milione di dollari! Non so ancora rispondere, perché al momento ho tante passioni e non so ancora come riuscire ad incastrarle tutte e a farne un lavoro. Speriamo che in futuro arrivi qualche buona ispirazione sulla professione che farò».

Quali progetti ha per il futuro?

«Sicuramente continuerò a scrivere per passione personale e a studiare, soprattutto mi terrò aggiornata su eventuali concorsi di scrittura: per quelli, sono sempre pronta a mettermi in gioco».

Studentessa del classico vince il concorso letterario

Elisa-Re-G.-Leopardi-3-1024x678

Elisa-Re-G.-Leopardi-4-1024x768

 

Elisa-Re-G.-Leopardi-2-1024x678

Elisa-Re-G.-Leopardi-1-682x1024

 

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie