domenica, Luglio 14, 2024

“Guarda che faccia!”
per i bambini e le bambine
di Pollenza e San Severino

NATI PER LEGGERE – Consegnati i libri nei due comuni che hanno aderito al progetto

 

IMG_1852
L’evento a San Severino

La sala Convegni del Comune di Pollenza ha ospitato sabato 9 giugno l’iniziativa “Dono del libro ai nuovi nati” per il progetto regionale “Nati per Leggere”. Bambini e bambine in festa anche a San Severino, dove sono stati consegnati nel teatro Italia circa 90 volumi, distribuiti nel corso dell’evento culturale promosso dall’assessorato alla cultura e dalla biblioteca comunale “Francesco Antolisei”, in collaborazione con l’associazione “Sognalibro”. Ai nati e alle nate nel corso del 2017 e nei primi mesi del 2018 è stato consegnato il libro dal titolo Guarda che faccia!, scelto dalla Regione Marche come invito simbolico a fare della lettura un momento centrale della relazione affettiva e della vita familiare.

pollenza
L’evento a Pollenza

A Pollenza, l’incontro si è aperto con alcune brevi letture, proprio in linea con quanto previsto dal progetto che si sta ormai affermando fortemente nel territorio. Presenti all’evento, oltre a neonati, neonate e genitori entusiasti, anche l’assessore Mariangela Lanzi, la pediatra Paola Ciucciovè e le lettrici volontarie Stefania Pietrani e Daniela Lepri, che hanno sottolineato l’importanza della lettura, che inizia fin da piccoli e fa diventare grandi.

A San Severino, hanno preso parte alla manifestazione anche Vanna Bianconi, vice sindaco e assessore comunale alla cultura e alcuni pediatri coinvolti nel progetto, che hanno spiegato il valore della lettura anche per le bambine e i bambini più piccoli, che hanno, poi, ricevuto dal personale della biblioteca una speciale tessera. Chi vorrà potrà ritirare uno dei libri assegnati al Comune recandosi in biblioteca nel normale orario di apertura.

IMG_1850
L’evento a San Severino

IMG_1846

 

 

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie