venerdì, Giugno 14, 2024

Serafino, pesciolino sopraffino:
il racconto di San Giuliano,
diventa un kamishibai

MACERATA - La proposta di Genitori e figlie per mano che per la prima volta aderisce alla fiera con uno stand. Dopo l'alluvione è attiva la raccolta fondi a sostegno dell'associazione

Il-pesciolino-rosso-di-San-Giuliano-2
di Lorenzo Lanciotti

Un pesciolino rosso, un kamishibai e il piccolo Nazzaré: sono gli ingredienti del racconto di San Giuliano che l’associazione “Genitori e figli, per mano” ha presentato nel suo stand alla fiera a Macerata.
Presente per la prima volta alla festa del patrono di Macerata, nonostante sia un realtà sul territorio da più di un decennio. L’esigenza di esserci quest’anno nasce dall’alluvione, dal terribile disastro che ha travolto l’associazione e dall’impellente bisogno di far conoscere a più persone possibili questa piccola, ma solida, realtà, che necessita di essere valorizzata e supportata nelle sue idee, che nascono da professionisti con lo scopo di offrire dei contenuti rivolti, in maniera particolare, alla fascia d’età compresa tra zero e tre anni.
sangiuliano6-1024x1024Per tale motivo nasce l’idea del kamishibai, forma di narrazione giapponese, per cercare di raccontare ai piccoli e alle piccole la storia di San Giuliano.
«Abbiamo pensato ai simboli della città, per quanto riguarda la festa, che sono il fischietto e la fiera – racconta Andriana Steta, presidente dell’associazione – e quanto ognuno di noi viveva la fiera, la aspettava da bambino. Tutti noi ci siamo passati e allora da questo ragionamento, con contributo di tanti volontari, famiglie e tanti bambini e bambine pian piano è nata la storia del pesciolino rosso di San Giuliano, perché la bancarella più visitata e diciamo più ricordata da tutti, in modo particolare dai bambini, è proprio quella degli animaletti. Sono le bancarelle degli animali domestici le più amate dai piccoli e dalle piccole e così ecco che è nata la storia del pesciolino rosso che fa un excursus attraverso i vari simboli legati a Macerata, ossia Giardini Diaz, Sferisterio, i vincisgrassi, i Pistacoppi, perciò il racconto è anche una cartolina della città ed è adatta a diverse fasce d’età».
Il-pesciolino-rosso-di-San-Giuliano
La storia di un’amicizia, quella tra Nazareno, un bambino, anche detto Nazarè e il suo pesciolino sopraffino, di nome Serafino. Un animaletto tanto desiderato e che, finalmente, il bambino riuscirà a comprare dopo diversi sacrifici. Le passeggiate per Macerata, che apparirà sempre più magica per Serafino il pesciolino, innamorato dello Sferisterio e dell’odore dei vincisgrassi. Un giorno, però, Serafino sentirà il bisogno della compagnia dei suoi simili, nonostante lo splendido rapporto instaurato con Nazareno. Infatti, quando vedrà ballare Li Pistacoppi, gruppo folcloristico di Macerata, il pesciolino avvertirà una sensazione strana, come di essere stretto all’interno della boccetta. Dopo giorni di apprensione, Nazareno deciderà di liberare il suo amichetto proprio all’interno dello stagno dei Giardini Diaz, a Macerata, e Serafino sarà finalmente libero di giocare con i propri amici pesci.
san-giuliano2-1024x1024
Uno dei motti dell’associazione è “L’unione fa la forza”, perché si sa, insieme si possono fare cose bellissime e ognuno vale tanto all’interno di un gruppo. Proprio in onore di queste parole, famiglie e bambini si sono messi all’opera e hanno contributo alla storia del magico pesciolino.
«Una volta nato il racconto – dice infatti la presidente – abbiamo chiesto alle famiglie e ai bambini che ci seguono, ma non soltanto della fascia d’età 0-3 anni, ma a chiunque poteva mandare il proprio contributo, di partecipare e piano piano sul nostro gruppo della newsletter, sono nati i capitoli. Si sono divisi i compiti e i temi che ci sono nel racconto per fare un disegno ed è uscito un lavoro meraviglioso».

Poi la prospettiva futura, la speranza di vedere pubblicato questo racconto, per dare ad esso un seguito, in modo tale da condividere i talenti dei bambini e l’amore, la dedizione, dei tanti volontari che hanno aderito alla causa. «Siccome abbiamo una bella collaborazione con una piccola casa editrice locale Giaconi Editore – continua la presidente – ci piacerebbe vedere di stampato questo racconto e farlo diventare un libro, anche attraverso la tecnica kamishibai, che è ancora più rara, rispetto a un libro classico illustrato per i bambini e dall’altro lato ci piacerebbe valorizzare i bambini e far vedere che cosa succede quando si impegnano, anche divertendosi. Da qui anche i tantissimi messaggi indiretti che noi promuoviamo, metodologie nuove di insegnamento, la ludodidattica, la valorizzazione del territorio e creare rete tra le bellissime realtà che noi abbiamo».

E’ possibile sostenere l’attività di Genitori e figli per mano onlus. Le modalità sono disponibili sui canali social dell’associazione.

Altri disegni dei bambini:
sangiuliano5-1024x1024sangiuliano4-1024x768sangiuliano9-1024x708san-giuliano-1-1024x725sangiuliano8-1024x576sang sang3-1024x753

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie