sabato, Luglio 13, 2024

Pueri Cantores raccontano la loro Carmen
«Costumi bellissimi anche se fanno caldo,
una esperienza affascinante»

LE VIDEO INTERVISTE a giovanissimi e giovanissime sull'esperienza vissuta allo Sferisterio. Dalle prove agli aneddoti, passando per le emozioni che si vivono sul palco

 

Il caldo non ha risparmiato neanche i Pueri Cantores chiamati a cantare la Carmen sul palco dello Sferisterio a Macerata, indossando costumi coloratissimi e caratterizzanti. Sono proprio loro, in abito di scena, a raccontare l’esperienza vissuta quest’anno in questa opera che li vede non solo cantare ma anche scorrazzare per la scena, partecipare attivamente all’evolvere della storia e contagiare il pubblico, cantanti e attori con la loro energia e innocenza.
«Bellissimo cantare Carmen e salire sul palco dello Sferisterio, bellissimo indossare costumi tanto particolari ma fa molto caldo». E’ questo il loro pensiero in cui concordano un po’ tutti e tutte.
I 28 piccoli cantanti compongono il coro di voci bianche quest’anno: durante le 59 edizioni del MOF, più di 250 ‘monelli’ marchigiani hanno cantato “Avec la garde montante”.
I coristi, di età compresa tra i 7 e i 14 anni, provengono non solo da Macerata, ma anche da Civitanova, Fermo, Rapagnano, Tolentino, Morrovalle, Corridonia e Madrid.
«È faticoso – dice Marta Mariani, 12 anni, residente a Rapagnano con un viaggio di andata e ritorno di 90 minuti per ogni prova e replica – “ma dedicare l’estate all’opera lirica è incredibilmente divertente».

carmen_sferisterio_2023_marilena_imbrescia-3-1024x683
Alcuni Pueri sul palco della Carmen

Marta, come Elena, Giovanni, Dorotea, Tommaso, Martina, Martino, Silvia, Andrés, Federico, le due Margherite, Sofia, Giulio, Mattia, Mia… in totale 28 bambini, fanno parte dei Pueri Cantores D Zamberletti, una vera istituzione a Macerata. Un’istituzione che quest’anno brilla nel Coro dei Monelli del primo atto dell’opera più conosciuta di Georges Bizet, d’accordo con l’unanime consenso della critica: “ottima e “impeccabile” due aggettivi usati per descrivere la loro performance.

«Questa è la loro 12ª esecuzione di Carmen – si legge in una noto dei Pueri Cantores –  sull’imponente palco dello Sferisterio, sin dal 1968. 12+1 aggiungendo anche la Carmen della Rete Lirica Marchigiana del 2019 con la direzione musicale di Beatrice Venezi..12+1 riletture della tragedia della zingara più irresistibile, sfacciata e libera di tutti i tempi, 12+1 proposte con regie indimenticabili, come quelle di Gilbert Deflo (1994, 98 e 2002), Dante Ferretti (2008) o Jacopo Spirei (2019) e insieme a voci che hanno scritto la storica della lirica, come Irene Roberts (2019), Anna Caterina Antonacci (2002), Fiorenza Cossotto (1979) e Franco Corelli (1974)
In questa storia, i Pueri colegano diverse generazioni: oltre 250 ragazzi e ragazze, bambini e bambine, secondo i calcoli approssimati del maestro Gian Luca Paolucci, dal 68 ad oggi».

pueriCome ogni estate, le prove vocali iniziano prima della fine di aprile (mica è facile cantare in francese); le prove di regia, da fine giugno. I bambini, entusiasti, imparano a muoversi, reagire, ballare e a giocare tutti insieme sul palco, come in questa Carmen. Qualcuno diventerà un temibile soldatino; altre, ballerine che ricordano esili cigni, mentre altri ancora si trasformano in saltanti coniglietti, piccole scimmie o candidi arlecchini. Trucchi colorati, tiare di piume, cappelli conici, rombi multicolori, da un lato, dall’altro,pesanti scarponi militari e sobrie divise nere.
Dopo gli obbligati vocalizzi. Insieme ai maestri Annarosa Agostini e Gian Luca Paolucci, i giovani interpreti sono pronti per la scena.

Aspetta l’emozione del palcoscenico e lo sguardo di più di 2mila persone in ogni replica, provenienti da chissà dove.Dicono gli ex coristi -già adulti- che di queste estate uno non si scorda mai, nè della scena, nè delle prove, ne delle pause (il tempo per i giochi: sardina, zerozerosette, capriole a gogò) uno non si scorda nemmeno, è chiaro, dell’applauso finale.

Nelle tre  repliche di Carmen in archivio, comunque, la fatica e il caldo, non si sono visti e, da veri professionisti, hanno conquistato il meritato successo. Per loro le vacanze non possono ancora iniziare però. L’ultima replica di Carmen sarà infatti in scena domenica 6 agosto.

 

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

1 COMMENT

  1. Don Piergiorgio, dal Cielo, avrà chiamato a raccolta i “Santi” ed assistito con “santo Orgoglio” alla bella e “straordinaria” esibizione dei “ Suoi ragazzi!”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie