venerdì, Maggio 24, 2024

Liceo Classico “Leopardi”,
scambio culturale
e progetti per gli architetti

RECANATI - Studenti e studentesse hanno partecipato, nei giorni scorsi, ad iniziative che li hanno visti protagonisti in contesti diversi ma sempre in un ottica di costruzione di relazioni

classico_recanati
L’incontro con gli architetti

Apertura al mondo che lo circonda, vicino e lontano. Così il liceo classico Leopardi di Recanati si pone rispetto alla realtà. Così studenti e studentesse hanno partecipato, nei giorni scorsi, a diverse iniziative che li hanno visti protagonisti in contesti diversi ma sempre in un ottica di costruzione di relazioni. In particolare hanno presentato dei progetti personali all’anniversario della fondazione dell’Ordine degli architetti italiani e hanno concluso lo scambio culturale con lo storico liceo classico “Terenzio Mamiani” di Roma.

In occasione dell’anniversario della fondazione dell’Ordine degli Architetti italiani e della provincia di Macerata, si è svolto l’evento formativo Endless – Festa dell’Architettura – La cura dei Luoghi, nell’aula magna del Palazzo Comunale di Recanati.
Il convegno ha visto la partecipazione di numerosi esperti e progettisti di rigenerazione e illuminazione urbana, con lo storico di architettura Luigi Prestinenza Puglisi che ha presieduto i lavori.
Alcuni studenti e studentesse della 5A classico: Sophia Casarotta, Keisi Doda, Diletta Pagano, Elena Poletti, Pietro Sadori ed Aurora Savoretti, hanno relazionato, proponendo personali progetti di rigenerazione urbana e di riqualificazione di spazi trascurati o abbandonati, quali l’ex Multisala Sabatini o il tetto della palestra adiacente Palazzo Venieri. Luoghi che potrebbero diventare centri di aggregazione sociale, di divertimento e di cultura.
Gli studenti hanno ricevuto numerosi applausi ed apprezzamenti dalla platea di esperti. Una bella esperienza, valida come attività di orientamento per la scelta universitaria.
«Un sentito ringraziamento – scrive la scuola –  va all’architetto Filippetti, che ha invitato il nostro liceo ed ha fortemente creduto nell’ingegno e nella qualità delle proposte dei nostri studenti».

Liceo-classico-Leopardi-recanati-e-Mamiani-3-1001x1024
Il liceo Classico Leopardi di Recanati a Roma

Concluso lo scambio culturale tra il liceo Classico Leopardi di Recanati e lo storico liceo Classico “Terenzio Mamiani” di Roma. Le relazioni erano iniziate nello scorso anno scolastico con un incontro online e in questo studenti, studentesse ed insegnanti si sono conosciuti di persona ed hanno svolto insieme varie attività, frutto di una progettazione comune.

Liceo-classico-Leopardi-recanati-e-Mamiani-2-1024x680

Gli alunni e le alunne romani sono stati accolti dalla classe 4A, che ha fatto loro conoscere Palazzo Venieri.

Liceo-classico-Leopardi-recanati-e-Mamiani-1-1024x680

Insieme hanno visitato il Centro nazionale di studi leopardiani, la biblioteca di Casa Leopardi ed i luoghi più cari al poeta. Importante è stata anche la visita collettiva al laboratorio di restauro del libro antico “Recanati e restauro” del dottor Giovanni Pagani, ex alunno del Mamiani ed oggi collaboratore del nostro liceo, vero anello d’unione tra le due scuole.

Liceo-classico-Leopardi-recanati-e-Mamiani

I ragazzi romani sono stati accolti dalle famiglie degli alunni e alunne recanatesi ed hanno pernottato nelle loro case.

Liceo-classico-Leopardi-recanati-e-Mamiani-4-1024x768

L’ospitalità è stata poi ricambiata durante il successivo soggiorno a Roma, dove è stato possibile conoscere la storia passata ed attuale del liceo Mamiani.

Liceo-classico-Leopardi-recanati-e-Mamiani-5-1024x768

Alunni, alunne e docenti hanno visitato l’archivio di stato capitolino, la biblioteca vallicelliana ed alcuni luoghi significativi di Roma.

Liceo-classico-Leopardi-recanati-e-Mamiani-6-1024x768

Lo scambio così intenso tra i due licei è stato una grande occasione di confronto e di crescita sui temi della didattica e della cultura umanistica.

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie