domenica, Giugno 16, 2024

Scuola senza zaino e valutazione narrativa,
insegnanti recanatesi studiano
l’educazione del futuro

MISSIONE - Una task force ha preso parte al visiting a Padova organizzato dal Centro Fonti San Lorenzo per osservare e confrontarsi su buone pratiche scolastiche

gruppo-visiting
Il gruppo dei partecipanti e delle partecipanti

Valutazione narrativa, ambienti differenti, scuola senza zaino e nuove funzioni dei docenti. Una task force di insegnanti recanatesi ha raggiunto Padova per un visiting formativo, organizzato dal Centro Fonti San Lorenzo di Recanati. I partecipanti hanno conosciuto e si sono confrontati con colleghi e realtà educative differenti. Una bella giornata di formazione, incontro, confronto. Per alimentare l’educazione del futuro.

DAmbrosio
Il dirigente Alfonso D’Ambrosio

Per il visiting sono partiti lunedì tre pedagogisti, un’educatrice, sei maestre dell’infanzia, quattro della primaria, due professori della secondaria inferiore, una dirigente di istituto comprensivo e una responsabile di una scuola secondaria superiore. Un gruppo composito e ricco, che copriva tutte le scuole di ogni ordine dei comprensivi di Recanati, oltre all’Istituto Bonifazi e naturalmente al Centro Fonti San Lorenzo. Il gruppo che ha partecipato è in larga parte artefice di alcune delle più interessanti esperienze educative presenti nel territorio marchigiano: dal Patto Educativo della Comunità di Fonti San Lorenzo (https://bit.ly/40lYNGp) alla sperimentazione “Attiva” realizzata alla scuola San Vito (https://bit.ly/3ZlEAzc) fino alla “Scuola Urbana” che ha preso forma in tre sezioni dell’Infanzia A. Moro e Villa Teresa.
visiting_padova-3In mattinata ha visitato l’Istituto Comprensivo di Lozzo Atestino e Vo, guidato dal dirigente Alfonso D’Ambrosio, che sarà ospite del Centro Fonti San Lorenzo nel mese di maggio proprio per uno scambio di pratiche. A Lozzo Atestino si è conosciuta una realtà inedita di scuola pubblica, che ha introdotto la valutazione narrativa e ripensato drasticamente gli ambienti di apprendimento, scelto la Scuola Senza Zaino e ripensato la funzione del docente.

visiting_padova-6
Nel pomeriggio altri due visiting nella città di Padova: la scuola Waldorf Sophia, con la quale si sono approfonditi i principi e le pratiche dell’educazione steineriana, in un contesto di cura e ricchezza educativa fuori dal comune. In ultimo, è stata visitata la Scuola dell’Infanzia e Nido Integrato Giovanni XXIII, che porta avanti una ricerca-azione con l’Università di Padova, sotto la guida della coordinatrice Patrizia Granata, che ha spiegato la strutturazione della scuola focalizzata sulle aree di sviluppo e la costante rimodulazione della programmazione. «Una giornata lunga e faticosa – racconta Stefano Casulli – pedagogista del centro –  ma oltremodo splendida: ha permesso di far stare insieme, conoscersi e confrontarsi professionisti educativi della città, rinsaldando le alleanze e rinnovando la spinta a promuovere un’educazione comunitaria, democratica, a misura di bambino e bambina, ragazzo e ragazza, anche a partire dai tanti appunti raccolti con i nuovi amici padovani. Non c’è cambiamento in meglio della scuola senza una formazione intensa, vissuta insieme, attorno alle pratiche migliori presenti nel nostro Paese».

visiting_padova-5 visiting_padova-4 visiting_padova-3 visiting_padova-2 visiting_padova-1

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie