venerdì, Giugno 14, 2024

I liceali incontrano Papa Francesco
e gli donano un fiore di carta
«Il nostro messaggio di pace»

CINGOLI - I ragazzi e le ragazze del liceo Leopardi hanno partecipato all'incontro sulla pace all'auditorium Paolo VI a Roma che ha visto la partecipazione di seimila studenti da tutta Italia

Incontro-Papa-Francesco-6-1024x768

Nella giornata di ieri 6mila studenti, studentesse, insegnanti e dirigenti scolastici della rete nazionale delle scuole di pace hanno vissuto un’ emozionante mattinata all’insegna della pace con Papa Francesco. Tra questi anche gli studenti del liceo Leopardi di Cingoli che hanno donato al pontefice un fiore di carta come messaggio di pace. L’incontro si è svolto nell’Aula Paolo VI della Città del Vaticano ed è intitolato “Per la Pace. Con la Cura”, due parole chiave da promuovere per superare un tempo drammaticamente segnato da tante guerre, crisi e preoccupazioni. La pace e la cura: l’obiettivo e la via per raggiungerlo.

Incontro-Papa-Francesco-3-1024x768«La pace – scrive la scuola – è il bene più grande che stiamo perdendo e che tutti dobbiamo imparare a ricostruire giorno per giorno. La cura della vita, degli altri, della comunità, dell’ambiente e del pianeta che dobbiamo far diventare il nostro stile di vita.
La terza parola chiave dell’incontro è stata educazione. Un’azione collettiva che deve essere urgentemente reinventata e trasformata per affrontare le sfide epocali del nostro tempo».
All’ arrivo del Papa i cappellini delle migliaia di giovani di tanti colori sembravano riflettere le luci filtrate dal mosaico dell’Aula Paolo VI. Decine le bandiere della pace, che nello sventolare si muovevano insieme a una bandiera dell’Unione Europea, ai cui confini si sta combattendo da oltre nove mesi un conflitto che assume sempre più le caratteristiche di una guerra mondiale.
Il Papa ha citato il poeta argentino Jorge Luis Borges e “quel giovane sognatore” di San Francesco d’Assisi. Poi ha indicato un obiettivo, essere “poeti di pace”, e due modelli da seguire: il “Papa buono” Giovanni XXIII (“leggete e studiate la Pacem in Terris”, ha detto) e Martin Luther King, due profeti del nostro tempo. ll Papa ha poi affidato un mandato ai ragazzi e alle ragazze: «Un cammino fatto di tanti piccoli gesti di pace, ogni giorno: gesti di accoglienza, di incontro, di comprensione, di vicinanza, di perdono, di servizio. Gesti fatti con il cuore».
Incontro-Papa-Francesco-5-1024x768Bergoglio ha invitato i ragazzi a diventare “poeti della pace” e ha indicato loro il modello “per eccellenza del prendersi cura”: «È quel samaritano del Vangelo, che ha soccorso uno sconosciuto che ha trovato ferito lungo la strada. Il samaritano non sapeva se quello sfortunato fosse una brava persona o un furfante, se fosse ricco o povero, istruito o ignorante, giudeo, samaritano come lui o straniero; non sapeva se quella sventura “se la fosse cercata” o no. “Lo vide e ne ebbe compassione”. Anche altri, prima di lui, avevano visto quell’uomo, ma erano andati per la loro strada. Il samaritano non si è fatto tante domande, ha seguito il movimento della compassione».
Il Papa ha parlato anche di esempi più vicini a noi: «Anche nel nostro tempo possiamo incontrare valide testimonianze di persone o istituzioni che lavorano per la pace e si prendono cura di chi è nel bisogno. Pensiamo per esempio a coloro che hanno ricevuto il premio Nobel per la pace, ma anche a tanti sconosciuti che in maniera silenziosa operano per questa causa».

Incontro-Papa-Francesco-7-768x1024L’incontro si è volto all’insegna della ricostruzione del patto educativo, perché la cura e l’educazione delle giovani generazioni non può essere “scaricata” sulla scuola ma deve essere assunta da tutta la comunità. Per questo, assieme alle scuole, erano presenti genitori, sindaci, assessori, giornalisti ed esponenti delle organizzazioni della società civile. Al Papa sono stati anche consegnati doni simbolici che testimoniano l’impegno del mondo della scuola ad essere artigiani di pace. Tra questi moltissimi fiori di carta con scritti sui petali messaggi di pace.
Gli studenti e le studentesse del Liceo “Leopardi “di Cingoli “ insieme ad oltre 100 scuole di ogni ordine e grado provenienti da 19 regioni italiane, sono impegnate nel Programma Nazionale di Educazione Civica e di cura delle giovani generazioni denominato “Per la pace. Con la-cura” che si concluderà con una edizione speciale della marcia della pace PerugiAssisi.

Incontro-Papa-Francesco-5-1024x768

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie