sabato, Giugno 22, 2024

La filastrocca di San Giuliano

TRADIZIONE - Il poeta maceratese Mario Monachesi racconta la storia del patrono in versi

san_giuliano_fischietto
Il fischietto di San Giuliano

Oggi a Macerata si festeggia San Giuliano l’Ospitaliere. Il poeta maceratese Mario Monachesi ne racconta la storia e le leggende a lui legato in una filastrocca.

di Mario Monachesi

Il trentuno d’ogni agosto
Macerata con piacere
il patrono suo festeggia
San Giuliano ospitaliere.
Giunto in zona da assassino,
pentimento e penitenza,
trova pace solamente
sulle rive del Potenza.
Detta “Isola” è il luogo
“sta a Madonna de lu Monte”,
assetati lui e il cavallo
per la strada sgorga fonte.
Poi in discesa fino al fiume
a quei tempi limaccioso
ampio, largo e sempre in piena
dal pauroso moto ondoso.
Un capanno per giaciglio
quasi niente per mangiare,
con la barca traghettante
sempre intento ad espiare.
Un bel giorno di tempesta
una papera lo innalza
dalle acque agitate
con amore si lo salva.
Lui ringrazia e lei lo abbraccia
di seguirlo mai finisce
fino al giorno che mistero
inspiegabile sparisce.
Giunge allora un angioletto
del Signore messaggero
avvisandolo che il conto
è pagato ormai davvero.
Finalmente può salire con onore su nel cielo,
il Potenza resta solo
col suo triste ed ampio velo.
A ricordo e tradizione
tra fischietti e rintocchi
anche papera gustosa
cucinata con gli gnocchi.

San Giuliano l’Ospitaliere La storia del patrono di Macerata

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

1 COMMENT

  1. a chi è lontano da anni i ricordi della festa del Patrono ritorna alla luce. grazie per non dimenticare questo annuale evento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie