giovedì, Giugno 13, 2024

“Italiano in biblioteca”,
consegnati gli attestati
a bambini e bambine stranieri

MACERATA - Ospitata dalla Mozzi-Borgetti e nata dalla collaborazione tra l’università e il Comune, l’iniziativa fa parte di un più ampio progetto per l’inclusione di circa trenta ragazzi e ragazze delle scuole primarie e secondarie di primo grado, provenienti da Ucraina, Romania, Albania, Sri Lanka, Perù, Macedonia, Malì e Senegal

 

italiano-in-biblioteca-comune-unimc_23-giugno-2022_blurred-1024x768
I bambini e le bambine alla fine del percorso

Va in vacanza con la consegna degli attestati e un momento di festa la prima edizione del corso “Italiano in biblioteca”, ospitato dalla Mozzi-Borgetti e nato dalla collaborazione tra l’Università e il Comune di Macerata. L’iniziativa fa parte di un più ampio progetto per l’inclusione di bambini e bambine di origine straniera come supporto alla gestione di classi sempre più plurilingui e multiculturali. Per l’occasione è stato organizzato un momento conviviale con i piccoli e le piccole partecipanti e le loro famiglie.

Hanno portato il saluto la delegata alla terza missione dell’ateneo Francesca Spigarelli, l’assessore alla cultura Katuscia Cassetta e la direttrice del master Italint sull’insegnamento dell’italiano come seconda lingua Edith Cognigni. «Una bellissima emozione – è il commento dell’assessore Cassetta – vedere gli insegnanti abbracciare i giovani alunni e alunne con i quali hanno stretto una forte relazione e trascorso tante ore insieme alla scoperta della nostra lingua e della nostra città. Una città e la sua biblioteca che hanno accolto i bambini, le bambine e le loro famiglie per un breve ma intenso momento di festa finale, dopo un percorso, nel quale tutti hanno dimostrato impegno e voglia di apprendere e integrarsi. Un ringraziamento speciale al personale della biblioteca Mozzi Borgetti, ai dirigenti scolastici e docenti che hanno aderito e soprattutto agli insegnanti e tutor dell’Università di Macerata. Insieme e con progetti concreti possiamo davvero crescere e dimostrare che solo mettendo insieme energie e professionalità le problematiche si risolvono e le migliori idee possono prendere forma».

Sono circa trenta gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado, provenienti da Ucraina, Romania, Albania, Sri Lanka, Perù, Macedonia, Malì Senegal, ad aver preso parte a questa prima edizione, tre le scuole primarie coinvolte (De Amicis, Convitto Nazionale e Anna Frank) e altrettante le scuole secondarie (istituti comprensivi Fermi, Mestica e Dante Alighieri).

Il Comune, oltre a fornire i locali e le attrezzature, ha coordinato i contatti con le scuole per selezionare gli alunni con maggiore necessità di un supporto linguistico. Il Dipartimento di Studi Umanistici dell’ateneo diretto da John McCourt ha messo e continuerà a mettere a disposizione il proprio capitale di conoscenze e competenze, consolidato nell’esperienza pluriennale del master in “Didattica dell’italiano L2/LS in prospettiva interculturale. Le tirocinanti, Rachele Mecozzi, Irene Rapanelli ed Emanuela Vastola, hanno seguito i partecipanti con la supervisione di due facilitatrici linguistiche esperte, Alice Magi e Cristina Paoluzzi.

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie