martedì, Giugno 18, 2024

«L’identikit di cyberbullo e cyberbulla:
temono oltremodo sentirsi deboli
ed essere esclusi»

UNIMC - La professoressa Paola Nicolini rende noti i risultati di una ricerca di Unimc che ha coinvolto studenti e studentesse di tutta la regione

paola-nicolini_Foto-LB-1-300x223
Paola Nicolini

«Sembra un paradosso ma il cyberbullo e la cyberbulla temono oltremodo sentirsi deboli ed essere esclusi». A rendere noto il risultato di una ricerca di Unimc è la professoressa Paola Nicolini, docente di Psicologia dello sviluppo e Psicologia dell’educazione dell’Università degli studi di Macerata.
«Da un anno a questa parte – continua la professoressa – grazie a un fondo messo a disposizione dalla Regione Marche stiamo collaborando su linee d’azione diverse con gli altri 3 atenei delle Marche per raccogliere dei dati su come i ragazzi e le ragazze rappresentano il cyber bullo e la cyber bulla. Quindi abbiamo chiesto di identificare una sorta di identikit del cyberbullo e della cyberbulla con un questionario, i cui risultati sono stati discussi nelle loro classi, grazie alla collaborazione di diverse scuole diffuse nel territorio marchigiano e dei loro insegnanti».

bulla
Una immagine tratta dal video della canzone “La bella Bulla” del piccolo coro Tab

E’ stato chiesto a studenti e studentesse di  analizzare varie dimensioni, ad esempio cosa mangiano il cyberbullo e la cyberbulla, come si vestono, come parlano cosa temono e cosa li mette in difficoltà. «Dalle risposte ricevute procede Nicolini – sembra che quello che viene più temuto dal cyber bullo/a è la debolezza, come se avessero una maschera da indossare appunto per nascondere le loro fragilità, Il contrario di quello che di norma si ritiene ovvero che siano dei ragazzi e delle ragazze aggressivi, prepotenti che prendono di mira le vittime per piacere personale. Probabilmente le vittime invece rappresentano proprio un loro riflesso, a specchio e facendo del male, cercando di eliminare le vittime con i loro atti aggressivi di fatto provano a eliminare le parti del sé che gradiscono di meno. Questa è un’ indicazione forte al livello anche della presa in carico di queste traiettorie di sviluppo e di come ci si possa avvicinare in modo tale da sostenere una ripresa di una identità che sia più dialogante con l’ambiente i contesti e le altre persone» .

 

 

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie