venerdì, Giugno 21, 2024

“Dolores Trip”, la scrittrice
rivive nelle scuole

TREIA - L'iniziativa ha coinvolto gli istituti del Comune in varie attività, apprezzate da studenti e studentesse

Liliana-Palmieri
Liliana Palmieri

Uno smartphone, Google Meet, libri in formato cartaceo della famosa scrittrice treiese Dolores Prato, sondaggi interattivi, interviste e storytelling. Tutto questo è “Dolores Trip”, la seconda attività del genere che l’istituto Egisto Paladini di Treia ha condotto per la promozione della lettura. Progetto inserito nell’ambito di Libriamoci e Io leggo.

Durante l’attività didattica “Dolores Trip” tutti gli alunni e le alunne delle classi seconde in presenza e in remoto, hanno potuto interagire in differenti momenti e modalità, con il gruppo di alunni e alunne, inviati nel centro storico di Treia alla scoperta dei luoghi di Dolores Prato, importante scrittrice treiese. Nel “Dolores Trip” si è conosciuta la figura di Dolores leggendo da casa o dall’aula o direttamente dai luoghi in cui è vissuta alcuni brani tratti dai testi più famosi, giocando al Memory quiz nel centro studi Dolores Prato, partecipando alla domanda storica dalla balaustra di Treia, completando un progetto di storytelling realizzato con Scratch, per scegliere il blocco necessario ad abilitare la funzione “da testo a voce” (questa volta a leggere è stata proprio Dolores!). All’ attività hanno collaborato il Comune di Treia con la dottoressa Liliana Palmieri e l’accademia Georgica con Luigi Emili.

Vittoria-legge-Dolores-Prato
Vittoria legge Dolores Prato

La dirigente scolastica Angela Fiorillo spiega che «Dolores Trip è un esempio di didattica innovativa, un prodotto della didattica digitale integrata che va oltre l’emergenza. Alunne e alunni con i loro docenti hanno utilizzato le nuove tecnologie attivando processi di ideazione, progettazione e azione. Hanno coniugato il gioco, la conoscenza, la valorizzazione del patrimonio culturale della Città di Treia e della figura di Dolores Prato. Dolores Trip, questo vero e proprio “documentario” dei luoghi e musei treiesi, si inserisce nell’ ambito dei progetti che la nostra scuola ha per la promozione della lettura dalla scuola dell’infanzia, primaria e secondaria».

Giulia-legge-Dolores-Prato
Giulia legge Dolores Prato

La Scuola dell’infanzia ha creato degli appositi spazi con cuscini, arredamento morbido, tappeti per la lettura ad alta voce individuale e di gruppo. Particolarmente coinvolgente è stata la lettura con il Kamishibai. La scuola primaria “Arcobaleno” di Passo di Treia ha invitato a leggere la docente Daniela Lepri che ha proposto gli albi illustrati “Igor” di Francesca Defne Devigne, “L’autunno della piccola oca” di Wollard-May Smith, “Il volo della famiglia Knitter” di Risari-Castagnoli e “Il buon viaggio” di Beatrice Masini. La scuola primaria di Chiesanuova ha coinvolto le alunne e gli alunni più grandi nella lettura di storie alle loro amiche e amici più piccoli, anche in lingua inglese con drammatizzazioni. Nel corso della settimana la lettrice Lucia De Luca ha fatto delle letture espressive su autori già trattati in classe: “Le sette lavandaie”, “Storie per giocare – il libro degli errori” di G. Rodari, “Roald Dahl Versi Perversi – Sporche bestie “, “Odissea e miti greci”. Ci sono stati anche quattro gemellaggi con librerie di Macerata e reallizzato un collegamento con la libreria Bibidi Bobidi Book di Macerata. La scuola primaria di Treia ha coinvolto attivamente alunni e docenti in letture ad alta voce e laboratori espressivi su brani tratti da ‘Il Piccolo Principe’ di Antoine De Saint- Exupéry. Le produzioni creative sono state raccolte nel Diario di viaggio, un libretto che rappresenta la testimonianza del percorso personale di crescita emotiva e sociale, sperimentato da ciascun bambino nel corso dell’anno scolastico. L’approccio al libro si è connotato così come viaggio estetico, che ha avuto inizio con l’esperienza della meraviglia – ‘Mi disegni una pecora per favore?’ – e si è sviluppato attraverso l’apprezzamento della bellezza delle parole come vie di accesso alla riflessione su un tema vicino all’esperienza dei bambini, quello dell’amicizia, ma procedendo più in profondità rispetto al semplice esperire, in quanto – citando ancora l’autore – ‘L’essenziale è invisibile agli occhi’.

Dirigente-scolastica-Angela-Fiorillo
La dirigente Angela Fiorillo

La scuola secondaria ha organizzato incontri online con esperti del settore. Durante la settimana 15-20 novembre i docenti hanno letto in classe alcuni brani da loro scelti e in alcune classi sono stati invitati a leggere anche genitori e nonni. Lunedì 22 si è svolto un incontro di tutte le classi prime con la bibliotecaria Teodorica Angelozzi, della biblioteca Trisi di Lugo di Romagna mentre martedì 23 tutte le classi terze hanno incontrato la libreria “Bottega del libro” di Macerata. Sabato 2 dicembre ci sarà un incontro di tutte le classi seconde con la scrittrice per ragazzi Sara Boero. In questa occasione i ragazzi e le ragazze potranno rivolgere le proprie domande relative alla scrittura di romanzi e allo storytelling. Durante tutto il periodo si è promosso un contenitore per donare libri alla nostra scuola da mettere presso la libreria “Bottega del libro di Macerata”. Chi donerà dei libri riceverà in regalo un segnalibro realizzato dal docente Marco Criante e dai suoi alunni di cl. 3°A. La dirigente scolastica Angela Fiorillo ringrazia tutti i docenti per le attività organizzate e la preziosa opera educativa messa in campo per favorire la lettura.

GUARDA IL VIDEO

La-Bottega-del-Libro-di-Macerata
La Bottega del libro di Macerata
Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie