venerdì, Giugno 14, 2024

Bambini e bambine adottano le piante

SAN SEVERINO - Il Comune ha provveduto alla riqualificazione dello spazio verde esterno alla scuola primaria di Cesolo che ha potuto così ospitare le lezioni pratiche del progetto "Nel piatto i colori dell’orto"

Spazio-verde-Cesolo

Con la messa a dimora di due nuovi alberi, un ligustro e un tiglio, e la sistemazione del terreno che è stato ripulito da erbacce e da altri materiali, il Comune di San Severino ha provveduto alla riqualificazione dello spazio verde esterno alla scuola primaria di Cesolo che ha potuto così ospitare le lezioni pratiche del progetto “Nel piatto i colori dell’orto”, una divertente e coinvolgente iniziativa che, per due settimane, ha interessato e continuerà ad interessare ben 35 alunni nell’ambito delle attività del Piano estate 2021 finanziato dal ministero dell’Istruzione. A salutare l’avvio dell’attività estiva è stato anche il sindaco di San Severino, Rosa Piermattei, che ha fatto visita ai rinnovati spazi esterni alla scuola accompagnata dalla dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Tacchi Venturi, la professoressa Lauretta Corridoni. Con le partecipazione delle maestre Barbara Tartabini e Federica Scattolini gli alunni hanno spiegato a sindaco e dirigente le tante attività messe in atto con lezioni teoriche, ma anche pratiche, sugli alberi, sull’importanza degli alimenti naturali quali frutta e verdura, sulle giuste regole da seguire per la piantumazione e la cura di piante, fiori ed essenze aromatiche. La scuola primaria di Cesolo, con i fondi del progetto “Nel piatto i colori dell’orto”, ha poi acquistato alcune piantine di lavanda, rosmarino, basilico che sono state sistemate in alcune cassettine in legno che ora saranno “adottate” dagli alunni per tutta l’estate per poi essere messe a dimora a settembre, al ritorno dalle vacanze, proprio nei rinnovati spazi all’aperto.

Spazio-Verde-Cesolo-3
Spazio-Verde-Cesolo-2
Spazio-Verde-Cesolo-1

Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie