sabato, Maggio 25, 2024

Donati tablet alle scuole
grazie al progetto “Noi”

DISPOSITIVI consegnati alla “Lucatelli” di Tolentino e alla “Paoletti” di Pieve Torina, l'iniziativa "Next Opportunity Involvement - Per una scuola inclusiva" promossa dall’Osservatorio di Genere

 

consegna-tablet-progetto-noi-2-1024x683
Alcuni dei dispositivi consegnati

 

Consegnati in cinque istituti comprensivi marchigiani dei tablet adeguati a seguire le attività didattiche in ambiente digitale. L’iniziativa nell’ambito del progetto “Next Opportunity Involvement – Per una scuola inclusiva” (Noi), che vede protagonisti l’associazione Osservatorio di Genere, in collaborazione con Il Faro Cooperativa Sociale e con il finanziamento del fondo di beneficenza di Intesa Sanpaolo. Il progetto, iniziato a giugno 2020, ha come finalità generale quella di sensibilizzare, informare e rafforzare le competenze di alunni, insegnanti e genitori sul piano educativo e relazionale rispetto al grande tema del digitale, offrendo conoscenze, metodi e strumenti per costruire una comunità educante inclusiva che permetta a tutti gli alunni di sviluppare pienamente il proprio potenziale.

consegna-tablet-progetto-noi-1-300x200Il progetto ha coinvolto diverse scuole nelle province di Macerata, Fermo e Ascoli Piceno: la “Lucatelli” di Tolentino, la “Paoletti” di Pieve Torina, la “Da Vinci – Ungaretti” di Fermo, la “Nardi” di Porto San Giorgio e la “Interprovinciale dei Sibillini” di Comunanza. In tutte queste realtà, nel corso degli ultimi mesi, l’Osservatorio di Genere e la Cooperativa Sociale Il Faro hanno promosso numerose attività rivolte ad alunni, docenti e famiglie e ora si preparano ad avviare dei tavoli di co-progettazione con altri soggetti del Terzo Settore per sviluppare nuove sinergie in questo ambito. «Il lockdown e la didattica a distanza hanno trasformato i dispositivi digitali in veri e propri strumenti educativi – spiega la Presidente dell’Osservatorio di Genere Claudia Santoni  – con il progetto Noi stiamo lavorando per contribuire alla normalizzazione del rapporto con le nuove tecnologie attraverso una corretta educazione nell’uso, soprattutto da parte degli adulti che dovrebbero essere un esempio di equilibrio nell’utilizzo di tali strumenti. Siamo consapevoli che l’emergenza sanitaria ha accentuato le distanze socio-culturali ed economiche tra gli studenti, gettando nuova luce sulla questione del Digital Divide. Per questo abbiamo destinato una quota del budget di progetto all’acquisto di tablet che, soprattutto in alcune realtà scolastiche, saranno un dono prezioso».

consegna-tablet-progetto-noi-1-1-300x225L’intero progetto e la donazione dei tablet sono stati accolti molto positivamente anche dai dirigenti scolastici. «Li utilizzeremo per garantire maggiori opportunità sia agli studenti più in difficoltà nelle attività legate alla Dad o alla Didattica Digitale Integrata, sia a quelli che versano in uno stato di bisogno educativo pre-esistente alle dinamiche generate dalla pandemia in atto», ha commentato Daniela Medori, direttrice scolastica dell’Istituto “Nardi” di Porto San Giorgio. Mara Amico, dell’Istituto “Lucatelli” di Tolentino, ha sottolineato la grande partecipazione alle attività proposte, sia da parte degli insegnanti che degli alunni, rallegrandosi per l’entusiasmo con cui questi ultimi hanno accolto il progetto Noi. Non è un caso che la consegna dei tablet si svolga in prossimità della la Giornata Nazionale contro il Bullismo e Cyberbullismo, fissata il 7 febbraio. «L’Osservatorio di Genere è impegnato da anni nel contrasto al bullismo e al cyberbullismo e sta conducendo il secondo progetto europeo su questo tema: CyberIncluding Goes to Europe – continua la Vice Presidente dell’Osservatorio di Genere Silvia Casilio -. Abbiamo affrontato la questione sotto diversi aspetti anche nell’ambito del progetto Noi: durante i webinar formativi per docenti, le web talk con le famiglie e i laboratori con i ragazzi. Inoltre, stiamo collaborando alla promozione dell’indagine Cyberviolenza, nazionale ed europea, in collaborazione con diverse università italiane». Maggiori informazioni sul progetto Noi Next Opportunity Involvement sono disponibili sul sito web dell’Associazione www.osservatoriodigenere.com.

 

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie