giovedì, Giugno 13, 2024

Tre aule informatiche
e pc ai più meritevoli:
l’azienda Fileni sostiene le scuole

CINGOLI - Parte del contributo economico di 500mila euro è stato destinato all'Istituto Comprensivo "E. Mestica"

azienda-fileni-sostiene-istituto-mestica-cingoli
Giovanni Fileni con i figli Roberta e Massimo, dell’azienda Fileni

Il contributo economico di 500mila euro che l’azienda Fileni aveva deciso di stanziare ai lavoratori, al servizio sanitario regionale e ai comuni sede dei suoi siti produttivi, come segnale concreto di vicinanza e di sostegno nel difficile periodo del lockdown, inizia oggi, nella fase di ripartenza, a vedere frutti concreti sul territorio. Grazie agli aiuti dell’impresa, infatti, il comune di Cingoli ha deciso di sostenere concretamente la didattica e quindi i ragazzi e le ragazze delle scuole. Una somma consistente sarà destinata all’acquisto di tutti i sistemi informatici e le attrezzature che nei prossimi mesi agevoleranno sia le lezioni online, che quelle fatte in presenza. Un segnale incoraggiante che riguarda i più giovani, il simbolo della speranza di un futuro sempre meno gravato dalle incertezze. Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, l’azienda Fileni non si è mai fermata, ma si è impegnata quotidianamente per non interrompere la catena dei rifornimenti alimentari che ha permesso agli italiani di avere meno disagi possibili nella fase del lockdown in casa. Tutto questo è stato possibile grazie all’aiuto dei dipendenti e di tutta la filiera dei collaboratori, a cui vanno i ringraziamenti dell’azienda. Per l’azienda Fileni, la ripartenza deve muoversi su tre livelli, ossia la garanzia sanitaria, la tutela del lavoro e dei redditi, e la formazione dei più giovani, che non può interrompersi. Tutte queste azioni si svolgono sui territori dentro i quali un’azienda opera, volendo restare uniti e vicini ai medici e a tutto il personale sanitario, alle persone che lavorano e non vogliono più fermarsi e agli uomini di domani, che con tutti gli strumenti adeguati continueranno a crescere nelle scuole.

azienda-fileni-sostiene-istituto-mestica-di-cingoli-2-1024x684

«Questa emergenza mondiale – dichiara Michele Vittori, sindaco di Cingoli – ci ha messo di fronte nuove sfide e nuove esigenze da dover fronteggiare. Come spesso accade, proprio in queste situazioni si dà il meglio di sé proiettandosi verso il prossimo più bisognoso. Ed è proprio ciò che ha dimostrato l’azienda Fileni, leader nazionale per la produzione di carni avicole e all’avanguardia per l’impegno nella filiera del bio, nonché la più importante sul nostro territorio, manifestando la propria disponibilità a finanziare un progetto rivolto alla nostra comunità. Il nostro comune è vicino alle esigenze della popolazione e dei più giovani – spiega il primo cittadino – ed ha ritenuto opportuno riservare queste energie all’ambito scolastico. I giovani rappresentano il nostro futuro, non sono solamente parole, reputo infatti che investire nei ragazzi e nelle ragazze e soprattutto nella loro formazione significhi progettare insieme il futuro. Dobbiamo essere noi adulti a far emergere le loro capacità. Grazie a questo finanziamento, l’Istituto Comprensivo “E. Mestica” di Cingoli sarà dotato di ben tre aule informatiche. Ma c’è di più – specifica – i ragazzi più meritevoli frequentanti la scuola primaria e secondaria di primo grado, che hanno ottenuto una valutazione media superiore a 8, riceveranno un pc in omaggio». Michele Vittori sottolinea la sua tenacia nel voler concretizzare questo progetto, che rappresenta un importante tassello della ben più ampia iniziativa che ha come obiettivo la riduzione del digital divide su tutto il territorio cingolano. «Confido – concluso il sindaco di Cingoli – che in questo modo i ragazzi e le ragazze possano colmare, almeno in parte, il ritardo accumulato nei mesi scorsi a causa dell’emergenza legata al nuovo Coronavirus».

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie