domenica, Giugno 16, 2024

“Ricordare rinascere ricostruire”
il progetto del Cantalamessa
conquista il Premio scuola digitale

MACERATA - Il liceo artistico passa ora alle fasi regionali. L'idea risultata vincente riguarda un modo innovativo di fruire i borghi colpiti dal sisma, creando spazi fisici e virtuali di cultura e informazione

premio-scuola-digitale-1-1024x768

“Ricordare Rinascere Ricostruire” questo è il nome del progetto vincitore del Premio scuola digitale 2020, conquistato dal gruppo di lavoro degli studenti e studentesse del liceo artistico Cantalamessa. Il concorso indetto dal Miur, aperto a tutte le scuole di ogni ordine e grado delle province di Macerata e Fermo, ha visto la partecipazione di numerosi Istituti che hanno presentato progetti innovativi con l’utilizzo del digitale. Il Cantalamessa passa ora alle fasi regionali.

premio-scuola-digitale-5-300x225Dopo una prima selezione operata da una giuria di esperti, il Cantalamessa è rientrato tra le prime sei finaliste. L’evento si è svolto al teatro delle Api di Porto Sant’Elpidio, con la presentazione del loro progetto.
“Ricordare Rinascere Ricostruire” è un progetto nato dall’esigenza di creare un luogo che possa puntare una lente d’ingrandimento sui borghi marchigiani distrutti dal sisma, con l’obiettivo di non farli cadere nell’oblio. Una ricostruzione partecipata che dia la possibilità a chiunque di poter istaurare un legame di empatia con quello che è successo nel 2016. L’esperienza proposta è rivolta ad un pubblico ampio, il tutto è pensato per due tipi diversi di “percorso” che si sviluppano in parallelo.
Il primo si può definire più “ricreativo” sullo stile di un museo interattivo, dove l’utente può vedere, tramite l’utilizzo di tecnologie innovative, come realtà aumentata e\o virtuale, stampa 3d, pareti interattive e contenuti multimediali di qualsiasi tipo, quelli che un tempo erano i nostri borghi. Grazie a questo tipo di percorso si possono creare non solo esperienze formative per scuole primarie, ma anche un “museo della memoria” multimediale, dove il fruitore può ammirare e toccare con mano il paesaggio marchigiano prima del terremoto.

premio-scuola-digitale-6-300x225L’altro percorso invece si può definire più tecnico, perché rivolto ad un target più professionale, aperto ad esperti ed anche a studenti di licei e accademici interessati alla causa. Nelle sale della struttura si potranno tenere workshop e conferenze, portando anche ricordi e testimonianze dei cittadini del luogo, per fornire il contributo culturale che spesso manca in queste ricostruzioni.
Tutto il progetto è pensato in maniera “modulare”, ossia bisogna immaginare questa idea come suddivisa in diversi blocchi, ognuno con una particolare modalità di svolgimento, obiettivo e funzione. Ogni singolo blocco è un “tassello” che può sia funzionare autonomamente sia andare a formare un percorso completo, non limitandosi ad una singola struttura. In una realtà come quella di Macerata, ad esempio, si può portare avanti in zone e stabili dismessi, rivalutandoli e ripopolandoli.
L’obiettivo è quello di creare un “link” che riesca a tenere alta l’attenzione verso quelle cittadine distrutte, creando spazi di cultura e informazione.

Ecco gli studenti e i docenti coinvolti nel progetto. Per la classe 4E Andrea Rogani, Greta Verdinelli, Emily Moretti, Beatrice Perugini, Joselyn Mergnani, Alessandro Angeletti e per la classe 5D Alessandra Padovano (indirizzo Audiovisivo e Multimediale, seguiti dai docenti Marco Bozzi e Roserita Calistri), della classe 4A Bahaciu Octavian, Baldelli Edoardo, Cerquetella Sasha, Chiacchiera Alessia, Cristalli Aurora, El Shebiny Eman Abd El Monem, Hibi Giulia, Iualè Alessandro, Losurdu Maxim, Pennacchioni Alessia, Pisani Andrea, Prioetti Michelle Angela, Quadri Alice, Torre Noemi, Torresi Federica (dell’indirizzo Architettura Ambiente, seguiti dalla professoressa Martina Pesaresi).

premio-scuola-digitale-4-1024x768

 

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie