lunedì, Luglio 15, 2024

Tutelare il mare e le sue creature
con piccoli gesti che fanno la differenza

MACERATA - Il libro "Five Saviours of the sea", scritto dagli alunni e dalle alunne dell'istituto "San Giuseppe" di Macerata, verrà presentato domani martedì 28 gennaio alle 17 alla sala Castiglioni della biblioteca Mozzi Borgetti

scuola-San-Giuseppe-a-Milano-We-are-drops-3
Il libro “Five saviours of the sea”

Il libro “Five Saviours of the sea”, scritto dagli alunni e dalle alunne dell’istituto “San Giuseppe” di Macerata, verrà presentato domani martedì 28 gennaio alle 17 alla sala Castiglioni della biblioteca “Mozzi Borgetti”. Saranno presenti, per l’occasione, gli alunni, le alunne e gli autori e verrà proiettato il video della storia con i suoni prodotti dai bambini e dalle bambine e con le loro illustrazioni, da loro animate insieme all’aiuto di esperti ed artisti. Il testo, pubblicato da Vydia Editore e interamente stampato su carta riciclata Shiro, nasce dall’adesione della scuola, dallo scorso anno, al progetto “We are drops” dell’artista Giuseppe La Spada, al quale partecipano scienziati ed artisti di tutto il mondo e che mira ad approfondire l’importanza dell’acqua e della sua tutela, del mare e delle sue creature.

scuola-San-Giuseppe-a-Milano-We-are-drops-4

Una storia scritta ed illustrata dai piccoli dell’istituto maceratese, da un’idea di La Spada e con il contributo di Cecilia Gordigiani, Erwin Milani e Anna Louise Finn. Una storia di coraggio, magia e viaggi nel tempo. Una storia di speranza e fiducia nei bambini e nelle bambine che oltrepassa il tempo alla ricerca di un antidoto speciale per salvare il mare, una storia che nasce dal desiderio di accendere nei più piccoli e risvegliare nei più grandi l’amore per il mare, che ricorda a tutti quanto ogni nostro piccolo gesto possa fare la differenza per proteggere il mare e le creature che vi abitano.

scuola-San-Giuseppe-a-Milano-We-are-drops-2

Un esempio, quello del “San Giuseppe”, di una scuola cittadina che ha creduto in una sfida per un sapere colto, curioso, aperto al mondo e ad esperienze inedite ed alla contaminazione tra discipline limitrofe, tra arte e scienza, tra poesia e fotografia, tra musica ed arti figurative, tra tecnologia e tradizione, tra piccoli e grandi, adulti, bimbi e bimbe, che ha arricchito e ha resi tutti più consapevoli della responsabilità di ognuno per un futuro migliore. Un progetto che è stato anche presentato lo scorso novembre al Museo della Scienza di Milano, durante il “Focus Live” insieme all’artista Giuseppe La Spada, come esempio di eccellenza e di come la creatività possa cambiare la scuola italiana. La scuola porterà avanti “We are drops” anche quest’anno, dedicando maggiore attenzione al mondo vegetale, alle piante, ai boschi e all’aria che respiriamo. Grazie alla collaborazione con La Spada ed il suo progetto, come piccole gocce, tutti insieme, grandi e piccoli, è iniziata una profonda immersione tra riflessioni, storie, connessioni ed energie positive, per un territorio che produca menti aperte al cambiamento.

scuola-San-Giuseppe-a-Milano-We-are-drops-1
La presentazione del progetto al Museo della Scienza di Milano allo scorso “Focus Live”

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie