lunedì, Giugno 24, 2024

Il Much More incontra gli studenti:
prevenzione e serate analcoliche

MATELICA - I gestori dello storico locale hanno fatto visita all'istituto professionale Don Enrico Pocognoni per sensibilizzare sui temi dell'alcol e del giusto divertimento

 

much-more-matelica-scuolaIMG_2997-300x225

Adolescenti e dipendenze patologiche, lo storico locale Much More incontra le scuole. La scorsa settimana, i giovani gestori del locale di Matelica hanno fatto visita all’istituto professionale Don Enrico Pocognoni (sempre di Matelica) per l’evento “Teenagers: il Much More incontra le scuole – Progetto di prevenzione”. 

Un’iniziativa indubbiamente ambiziosa e importante, in quanto, tramite l’organizzazione di serate completamente analcoliche, intende coniugare la musica e il divertimento notturno con la salute e la sicurezza.
L’incontro ha costituito, dunque, grazie anche agli incisivi interventi di due membri delle forze dell’ordine, un’occasione alquanto significativa di formazione e riflessione, che ha indotto i ragazzi a fermarsi per un attimo e pensare. Pensare che divertirsi esige prima di tutto responsabilità, pensare che da una bravata potrebbe scaturire l’irreparabile, pensare che per star bene non serve assumere alcol o droghe e che, anzi, miscelare tali sostanze e benzina può essere fatale. Sono stati momenti intensi e toccanti, che hanno fornito ai ragazzi degli spunti fondamentali per ragionare e comprendere come l’unico divertimento possibile sia quello sano e sicuro e come purtroppo talvolta, per quella che si crede soltanto una leggerezza, si possa arrivare ad uscire di casa e non tornarvi più. Un incontro che, inserito nell’ambito del Progetto di educazione alla Salute, racconta il lavoro quotidianamente svolto, con impegno e passione, dall’istituto: un lavoro rivolto tanto a formare i ragazzi dal punto di vista professionale quanto a farli crescere come cittadini consapevoli e responsabili.

much-more-matelica-scuolaIMG_2974

Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie