giovedì, Giugno 13, 2024

Una vita nel ghetto,
premiati i vincitori del concorso

CAMERINO - Organizzato dalle Acli, ha coinvolto gli alunni e le alunne della scuola secondaria di primo grado di Camerino Betti e Boccati

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-7-650x488

di Monia Orazi

Si sono svolte ieri mattina le premiazioni del concorso “La vita nel ghetto”, organizzato dalle Acli, che ha coinvolto gli alunni e le alunne della scuola secondaria di primo grado di Camerino Betti e Boccati. Accompagnati dai docenti, gli alunni e le alunne  sono entrati nella palestra della scuola primaria Salvo D’Acquisto, dove si è svolta la cerimonia di premiazione, alla presenza della giuria, presieduta dal professor Dino Jajani, composta da una rappresentante dell’Acli provinciale, dalla dottoressa Donatella Pazzelli del Comune di Camerino, alla presenza del vice prefetto Marinella Iodice e dell’assessore all’istruzione del Comune di Camerino Antonella Nalli.

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-12-650x488Il concorso, consistente in elaborati dei ragazzi e delle ragazze , sia disegni che testi, su aspetti di vita e cultura legati al ghetto ebraico di Camerino che si apre tra l’angolo di corso Vittorio Emanuele e largo Boccati e nelle vie adiacenti, ora inaccessibili perchè zona rossa, viene organizzato da alcuni anni con l’obiettivo di tramandare la memoria della storia ebraica di questo angolo di Camerino, di trasmettere i valori dell’accoglienza e del rispetto, della conoscenza verso altre tradizioni e culture.
La cerimonia è stata preceduta lo scorso gennaio da un incontro di approfondimento storico, tenuto dal professor Jajani sul tema “La grande presenza ebraica a Camerino, il ghetto com’era, com’è”, sia nel corso dei secoli, che dopo il terremoto, che ne ha segnato il parziale abbandono, come il resto del centro storico, per i pericoli ed i rischi per la sicurezza pubblica. In quell’occasione sono state mostrate le fotografie degli ingegneri Carloni, immagini storiche delle vie, delle case e dei protagonisti dell’epoca. Ieri mattina la premiazione ha visto per la sezione disegno il primo premio a Matilde Gamberoni e Sofia Moreni della 2 C, per «l’ energia personale donata alle forme ed al colore, segno di immedesimazione con il soggetto rappresentato.Tutto salta all’occhio con immediatezza e armonia».

concorso-vita-nel-ghetto-camerino Secondo premio ex aequo per i disegni ad Agnese Caldarelli e Agata Dal Ben della 2 C e Lorenzo Diambra della 2 B, con la motivazione: «Bel confronto, il premio ex aequo, tra la perfezione di Camerino come ce la ricordiamo ieri, e come la sentiamo oggi, emotivamente toccata e toccante». Conferito un premio speciale per l’originalità al disegno di Matilde Fromentelli e Anna Pettinari della 2 A: «Premio originalità legato alla essenzialità di un angolo del ghetto, caratterizzato da tinte molto tenere, intime, immaginifiche, quasi intatte nel pensiero o surreali». Per la sezione testi primo premio a tutta la seconda A per il lavoro di gruppo curato nei testi e nelle immagini, dal titolo “Il ghetto di Camerino: suggestioni e pensieri”. Il secondo premio è andato agli alunni della seconda C Stefano Bordi, Giulia De Felici, Sofia Elisei, Elena Mogetta, Alice Piccioni, Lorenzo Straini, Elisa Valeri, per l’elaborato “Il ghetto di Camerino in immagini”, ritenuto dalla giuria un lavoro curato nel testi e nelle immagini, con le incursioni dei ricordi dei ragazzi.

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-13-650x488

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-2-650x488

 

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-4-650x488

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-5-650x488

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-6-650x488

 

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-8-650x488

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-9-650x488

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-10-650x488

concorso-vita-nel-ghetto-camerino-11-650x488

 

 

 

conorso-vita-nel-ghetto-camerino-2-650x488

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie