martedì, Luglio 16, 2024

I piccoli atleti del Judo
nel nome di Rodolfo “Fofo” Prenna

CIVITANOVA - Primo memorial dedicato al compianto maestro dell'Alfa Judo e presidente del comitato regionale Marche scomparso lo scorso agosto. Ventotto club al palazzetto del quartiere San Giuseppe e 343 piccoli judoka

 

judo-memorial-prenna-6-650x488

 

judo-memorial-prenna-2-325x244

 

Trecento ragazzini per ricordare il Maestro Rodolfo “Fofo” Prenna. Si è svolto ieri il primo Memorial Prenna, in memoria dell’amatissimo maestro dell’Alfa Judo e presidente del comitato regionale Marche. La palestra di via Ginocchi si è riempita dell’entusiasmo e della vivacità di 343 iscritti e 28 club da tutta Italia per il memorial e per il primo Trofeo della città di Civitanova. Fra atleti, accompagnatori, istruttori e organizzatori sono state oltre 1000 persone ad avvicendarsi nel palazzetto del quartiere S.Giuseppe. Partecipazione notevole vista la concomitanza con una gara di rilevante importanza a Castelfranco Emilia. Il Trofeo “Città di Civitanova Marche” è andato al Judo club Urbisaglia. Mentre il primo classificato per il Memorial Prenna Rodolfo è stato il club Judo Sakura Osimo. Emozione durante la cerimonia alla quale hanno preso parte i familiari di Rodolfo Prenna, morto a 75 anni lo scorso agosto. Una figura che ha dato tantissimo alla città e al mondo sportivo del judo, crescendo intere generazioni di ragazzini. A lui è stata dedicata una targa ed è stato donato un mazzo di fiori bianco e rosso come la cintura sesto dan di Prenna. Il maestro Magri ha poi donato una foto che ritrae Prenna, Magri stesso, presidente e segretario nazionale della federazione.

IMG-20180416-WA0013-1-650x366

L’assessore Enrico Giardini ha aperto le competizioni del pomeriggio e nel suo discorso ha ricordato “Fofo” come un simbolo del Judo civitanovese: «Rodolfo Prenna ha speso un’intera vita nel judo ed è stato maestro non solo di arti marziali ma di vita per molti ragazzi di Civitanova per diverse generazioni. Voglio inoltre fare un ringraziamento particolare – ha detto Giardini – ai genitori che dedicano le loro domeniche ai ragazzi. Lo sport, e in particolare le arti marziali, è fondamentale per la crescita dei giovani. I valori legati allo sport formano piccoli uomini e li preparano a diventare dei buoni cittadini». Entusiasta l’allenatore Angelo Mercanti che ha dichiarato: «Come prima esperienza siamo molto soddisfatti ma soprattutto abbiamo capito che la nostra non è solo un’associazione ma una grande famiglia. Ci auguriamo che il memorial divenga un punto di riferimento a livello nazionale per il Judo».

IMG-20180416-WA0003-1-650x366IMG-20180416-WA0002-1-650x366

judo-memorial-prenna-1-650x366

judo-memorial-prenna-4-650x488

judo-memorial-prenna-3-488x650

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie