giovedì, Giugno 20, 2024

Il parroco di Scampia arriva a Macerata:
«Scuola in prima fila contro le mafie»

LEZIONI DI VITA - Don Aniello, prete in uno dei quartieri più difficili d'Italia, ha incontrato gli studenti dell'istituto Bramante Pannaggi. I ragazzi della classe 5B hanno presentato i loro lavori in ricordo dei giudici Falcone e Borsellino

don-aniello
Don Aniello davanti ai ragazzi dell’istituto Bramante Pannaggi

MG_3930-300x200Il prete di Scampia all’istituto Bramante Pannaggi di Macerata. Don Aniello ha visitato i ragazzi dell’istituto, lasciando loro importanti lezioni di vita. «Quando mi dissero che sarei stato trasferito a Scampia non presi molto bene la notizia ma quando, dopo 16 anni, mi dissero che avrei dovuto lasciare i miei parrocchiani di Scampia, ho avuto la morte nel cuore». Scampia è uno dei quartieri più difficili di Napoli e di tutta Italia. Davanti alla platea di studenti attenti ha come «dopo la mia esperienza a Scampia ho voluto continuare ad impegnarmi per la legalità nella lotta alle mafie. La scuola è in prima fila per combattere l’illegalità che non è solo criminalità organizzata, ma è soprattutto corruzione in ambito amministrativo, sociale, lavorativo: questo è ormai il male della società».

Il famoso parroco ha esortato, quindi, gli studenti a studiare, ad impegnarsi per raggiungere con le proprie forze gli obiettivi prefissati, perché viceversa ricorrere alla “raccomandazione” alimenta solo la furberia, il voler aggirare gli ostacoli con delle scorciatoie e quindi l’illegalità. L’istruzione è fondamentale per contrastare la delinquenza e non accettare compromessi perché la mafia attinge proprio dalla sottocultura e dalla povertà. Dopo le numerose domande dei ragazzi, l’incontro si è concluso con la presentazione dei lavori degli alunni della classe 5B in ricordo dei giudici Falcone e Borsellino che hanno sacrificato la loro vita per la lotta alla mafia e con la proiezione di un video sulla legalità realizzato dal gruppo di Secignano di Don Aniello.

Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie