venerdì, Luglio 19, 2024

Alla scoperta della bottega Macellari dove il trapano è manuale

ANTICHI MESTIERI- La visita di tre classi dell’Istituto Comprensivo “Sant’Agostino” di Civitanova alla secolare attività di falegnameria

Massimo-Macellari-con-i-ragazzi
Massimo Macellari con i ragazzi e le ragazze

 

Vedere con i propri occhi gli attrezzi di un mestiere che rischia di andare perduto: lo hanno potuto fare questa mattina i ragazzi e le ragazze di tre classi dell’Istituto Comprensivo “Sant’Agostino” di Civitanova hanno fatto visita ad una delle ultime botteghe artigiane rimaste nella città Alta.
Nell’ambito del progetto “Un monumento per amico”, realizzato in collaborazione con il Comune di Civitanova  e con il locale Archeoclub presieduto dalla professoressa Anna Maria Vecchiarelli, gli studenti e le studentesse delle classi 2°H, 2° I, 2° G della Scuola Secondaria di Primo Grado “Giuseppe Ungaretti” di Civitanova Alta hanno avuto l’occasione di ammirare la storica falegnameria di Goffredo Macellari, in via XXIV Maggio.

Arnesi-pianuccia
Gli arnesi del mestiere

Oltre un secolo di attività ha consentito di conservare all’interno della falegnameria tutti i preziosi arnesi necessari alla lavorazione del legno, da quelli più arcaici come il trapano manuale, a quelli più recenti. Tanti sono i racconti di lavoro e dell’atmosfera che regnava all’interno della bottega; a guidare i ragazzi e le ragazze in una sorta di viaggio del tempo è stato l’attuale proprietario Massimo Macellari, che ha saputo coinvolgere l’attenzione e suscitare domande e curiosità sugli aspetti più vari: dalla produzione della colla animale fino al percorso fatto dai tronchi degli alberi per entrare in bottega ed uscirne poi sotto forma di mobili, armadi, letti, infissi.

Massimo-Macellari
Massimo Macellari

Il progetto, curato dalla professoressa di Arte Letizia Ciamberlini ha ricevuto il sostegno della Banca di Credito Cooperativo, segno questo che l’istruzione e il lavoro possono perseguire importanti obiettivi comuni. Ad accompagnare i ragazzi nella visita sono stati gli insegnanti Biancamaria Eleuteri, Lucia Giorgetti, Matteo Gentili, Cristina Petrolati, Barbara Galeazzi.
Il lavoro di approfondimento sui mestieri di una volta proseguirà con altre visite ai vecchi laboratori della città Alta per poi confluire in elaborati finali e…chissà che i giovani coinvolti non finiscano per innamorarsi dei mestieri d’un tempo e ridar vita a queste storiche botteghe.

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie