martedì, Giugno 25, 2024

Coraggio e disciplina,
a scuola di Judo

ARTI MARZIALI - Ripartono le attività all'istituto Bramante di Macerata. I piccoli atleti già protagonisti nel primo evento regionale non agonistico dedicato alle fasce giovanili (dai 5 agli 11 anni). Oro per Alessandro Dezi, argento per Angelica Picciola

 

foto-bambini-premiati

 

Iniziata la nuova stagione sportiva per i giovani del Judo Equipe Macerata, che svolge la propria attività, con docenti federali, all’istututo Bramante (ex Geometri). Gli atleti si sono cimentati già nel primo evento regionale a carattere non agonistico dedicato alle fasce giovanili (dai 5 agli 11 anni). Ancora un plauso merita la prestazione del giovane Alessandro Dezi, che, dopo un’intensa preparazione estiva, si riconferma oro nel suo raggruppamento. Ma ancora più grande è la soddisfazione per Angelica Picciola, argento, che finalmente riesce a superare i propri timori ed esitazioni, facendo mostra delle proprie capacità tecniche e, soprattutto, della sua determinazione e perseveranza. Nonostante l’impegno, meno bene questa volta  Pietro D’Orazio e Nicolò Vannucci. Il tecnico sociale Laura Moretti (cintura nera 5 dan Fijlkam), nel lodare l’impegno profuso dai quattro giovani judoka commenta: certo, la vittoria in gara è, con tutta evidenza, sicuramente gratificante per l’atleta, per i genitori ed i tecnici, ma non può essere l’obiettivo principale, soprattutto a questa ètà. La gara è una sorta di “incidente di percorso”: il vero Judo è destinato in primis aI più giovani e l’intento è quello di fornirgli le doti dell’educazione, della disciplina, del coraggio, della perseveranza, del rispetto, del sacrificio, plasmando un corpo forte e sano per essere utile, insegnando a cadere e rialzarsi, per continuare e diventare più forti, prima ancora che a vincere: non è un caso che le cadute siano la prima “tecnica” ad essere insegnata. Il fondatore del judo, Jigoro Kano, che era un professore, si accorse dell’impossibilità di trasmettere queste doti solo con l’insegnamento delle materie intellettuali e per questo inserì nei programmi scolastici del Giappone il Judo, non come semplice ginnastica, ma come via spirituale completa”.

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie