venerdì, Giugno 14, 2024

Studenti a lezione dalla polizia:
come si risolve un crimine

MACERATA - Visita in caserma per gli studenti della Dante Alighieri. Tra le "materie" anche l'uso dei social network e di internet

 

polizia-1-650x435

 

Lezione di legalità per gli studenti della scuola secondaria di primo grado “Dante Alighieri” di Macerata che, accompagnati dalle loro insegnanti e dalla dirigente scolastica Rita Emiliozzi, si sono recati in visita alla questura di Macerata dove sono stati ricevuti dal questore Giancarlo Pallini e dal capo di Gabinetto Edoardo Polce. Nel corso dell’incontro – che rientra nel progetto di “Educazione alla legalità” promosso dalla polizia e rivolto ai giovani –  è stata illustrata agli studenti l’attività di alcuni reparti della polizia ed in particolare della Scientifica attraverso dimostrazioni pratiche. Gli agenti hanno mostrato ai ragazzi come la polizia interviene in un luogo dove è stato commesso un reato, quali tecniche vengono adottate ai fini dell’individuazione di eventuali tracce lasciate dal malvivente e le modalità con le quali queste vengono prelevate e conservate ai fini del proseguo dell’attività d’indagine. A seguire l’intervento di Paolo Nanni dell’Asur Marche Area vasta 3, dipartimento per le dipendenze patologiche, il quale ha illustrato ai ragazzi i pericoli che possono derivare da un uso scorretto dei social e di internet in generale. Infine, ai ragazzi è stato mostrato il poligono di tiro all’interno del quale, oltre a mostrare come si svolge una lezione di addestramento al tiro, è stata sottolineata la pericolosità delle armi e forniti consigli per non correre rischi.

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie