martedì, Luglio 23, 2024

“Se arriva il terremoto so cosa fare”:
prova di evacuazione a Civitanova

SICUREZZA - La scuola per l'infanzia di via Ugo Bassi ha intrapreso un percorso per istruire i suoi piccoli alunni su come mantenere la calma in caso di sisma

se-arriva-il-terremoto-7

se-arriva-il-terremoto
La giornata è iniziata con un cartone animato

Niente più panico per il terremoto, ci prepariamo con i cartoni animati. Seguendo questo consiglio la sezione C della scuola per l’infanzia di Via dei Mille,  dell’Istituto Comprensivo Via Ugo Bassi a Civitanova ha iniziato un percorso per non farsi prendere alla sprovvista, proprio partendo dalla visione del cartone animato Civilino  legato alle norme di comportamento in caso di sisma. I bambini hanno commentato le immagini e analizzato, attraverso l’uso di simboli, le differenze tra i diversi segnali emessi in caso di pericolo associandoli ad un differente comportamento.

se-arriva-il-terremoto-2
Al riparo sotto ai tavoli

Le insegnanti hanno sottolineato l’importanza del mantenere la calma, non spingere, non accalcarsi, non far confusione affinché le azioni di sicurezza avvengano correttamente. Qualche ora dopo, le docenti, a sorpresa, hanno effettuato una simulazione di evacuazione: gli alunni, al segnale convenuto, si sono riparati sotto i tavoli, poi si sono posizionati a catena, avviandosi verso l’uscita di  emergenza diretti verso il punto di ritrovo dove il docente ha contato i presenti. Al rientro i bambini hanno fatto un disegno dell’esperienza. La giornata è stata fatta basandosi sui principi di autonomia e responsabilità, seguendo la lezione di David Jonassen: “Sarà anche possibile far sì che le persone apprendano ciò che noi vogliamo, ma in futuro ricorderanno solo ciò che ha senso per loro”.

se-arriva-il-terremoto-6  se-arriva-il-terremoto-5 se-arriva-il-terremoto-4 se-arriva-il-terremoto-3

Marco Ribechi
Marco Ribechi
è l’esploratore della redazione. Ama la natura e gli animali, va in missione con il suo fido compagno Teo. La sua passione sono i viaggi avventurosi. Lui è “Rio”. Soffre il freddo tremendamente e aspetta tutto l’anno l’arrivo del sole e della bella stagione. Per rilassarsi strimpella un po’ la chitarra. Sportivo ha la passione per la bicicletta.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie