martedì, Luglio 16, 2024

L’ululato di Zanna bianca
tra l’Appennino e la superstrada

BRANCHI - I lupi del territorio sopravvivono a stento tra i monti di Marche e Umbria, anche per via della crudeltà dei bracconieri

I lupi "di Capodanno" fotografati da Federica Santoni
I lupi “di Capodanno” fotografati da Federica Santoni

 

Maurizio Verdenelli
Maurizio Verdenelli

di Maurizio Verdenelli

‘Zanna bianca’ vive sull’antico altopiano, sopravvivendo alla modernità rappresentata dalla nuova superstrada. E può vantare già una discreta famigliola. Yukon è Colfiorito e i cercatori d’oro del Klondike sono ora gli automobilisti che si fermano per acquistare la patata rossa, farro, cicerchia dai produttori locali che in trattore arrivano e posteggiano a fianco della ‘vecchia’ Valdichienti. Anche il lupo appenninico, come quello famoso dell’autore Jack London, si è salvato a stento. Soccorso quella mattina del 4 marzo del 2013 dagli operai del cantiere di Cifo (Foligno). Ristabilitosi è tornato ai ‘suoi’ boschi della Terra di Mezzo. E’ possibile udirne l’ululato le notti d’inverno durante le quali si unisce in branco insieme con i suoi ‘fratelli’ per valli e monti che circondano Colfiorito, Cesi, Serravalle e tutti i borghi incantati tra Marche ed Umbria. Nel buio di un primo gennaio appena ‘sbocciato’, dall’alto li fotografò così Federica Santoni. Due branchi che nella neve, lentamente procedevano in ordine verso una nuova alba, un nuovo giorno, un nuovo anno.

Un lupo grigio
Un lupo grigio

La neve, ecco il pericolo peggiore dopo trappole, veleni e fucili dei bracconieri che in Italia uccidono ogni anno decine e decine di splendidi esemplari. Anche a Colfiorito a poche decine di chilometri da Assisi e da Gubbio, nel cuore del Parco. Tuttavia nel segno del Poverello, “l’ultimo lupo” umbro-marchigiano può salvare tutti gli altri lupi sull’esempio di Civitella Alfedena. Una nuova ‘Operazione San Francesco’ trapiantata dall’Abruzzo sull’altopiano, è possibile. Perché il lupo di Cifo e pure il branco di Costa Fiori sulle alture di Muccia (avvicinatosi per fame all’agriturismo La Castellina) salvati dall’intervento provvidenziale dell’uomo non siano dovuti solo ad episodi ammirevoli ma casuali. Così come il clacson dell’auto di un ecologista trovatosi fortuitamente alle spalle di quella di un bracconiere che silenziosamente stava per abbattere, domenica scorsa, un capriolo che brucava tranquillo in un prato di Annifo.

Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie