lunedì, Giugno 24, 2024

Anita vince lo Zecchino d’Oro,
trionfo maceratese all’Antoniano

CONCORSO - Ha 7 anni e vive a Belforte del Chienti. Oggi pomeriggio ha conquistato la giuria del programma di Rai1 con il brano "Custodi del mondo" di Simone Cristicchi e Gabriele Ortenzi. Era dal 1974 che il premio non andava a un concorrente delle Marche

 

WhatsApp-Image-2021-05-30-at-20.03.43
Anita Bartolomei vince l’ultima edizione dello Zecchino d’Oro

di Francesca Marsili e Leonardo Giorgi

Con un brano che è un delicato inno alla felicità la piccola Anita Bartolomei, 8 anni, di Belforte del Chienti si è aggiudicata la Vittoria allo Zecchino d’Oro 2021 con la canzone dal titolo: “Custodi del mondo”.
La giovanissima cantante maceratese ha interpretato in maniera impeccabile, conquistando il giudizio unanime delle giurie, un brano scritto da Simone Cristicchi e Gabriele Ortenzi che racconta un tema caro alle nuove generazioni.
Forse, nel cuore di ogni bambino, si nasconde un prezioso “custode del mondo” dai poteri speciali: potrebbe sfamare il mondo intero con una ricetta segreta, o diventare un orologiaio che ferma il tempo nei momenti felici, o ancora salvare il mare insegnando agli altri a non sporcare. Ma quali saranno i trucchetti segreti di questo custode del mondo? Di certo, una risata contagiosa e la voglia di sognare: questo il significato del brano con cui la promettente voce di Anita Bartolomei ha vinto il concorso canoro dedicato ai più piccoli.
WhatsApp-Image-2021-05-30-at-20.12.38Così Anita entra nell’albo dei vincitori del leggendario Zecchino d’Oro, giunto alla 63esima edizione: l’unica marchigiana ad aver vinto prima di lei è stata Maria Federica Gabucci di Pesaro nel 1974, con la canzone Cocco e Drilli. Una vittoria che nel 2017 era stata sfiorata da Nicole Marzaroli di San Severino, arrivata seconda con il brano L’Asinello Nunù a soli 4 anni. Anita e Nicole sono molto amiche e sono entrambe allieve del Maestro Tiziana Muzi. «Grazie a tutti per questa straordinaria emozione – ha commentato l’autore Simone Cristicchi, già vincitore del Festival di Sanremo e di Musicultura di Macerata – In bocca al lupo a tutti i piccoli custodi del mondo, che possiate proteggerlo e renderlo ancora più bello».

La canzone “Custodi del mondo ” ha anche ottenuto il premio Cori della Galassia dello Zecchino, essendo stata votata dai bambini che compongono i cori di supporto del Piccolo Coro dell’ Antoniano di Bologna come la migliore tra quelle proposte.

Anche il Comune di Belforte ha omaggiato Anita con un post su Facebook: «La vittoria di Anita Bartolomei alla 63esima edizione dello Zecchino D’oro ci rende orgogliosi non solo per il suo legame con Belforte del Chienti, ma soprattutto per il messaggio che la sua canzone ha saputo dare. Ci piace pensare che dal nostro paese arrivi il suo messaggio di fiducia e speranza in ogni angolo del mondo. E forse non è un caso che questo augurio di rinascita parta proprio da un piccolo ma sempre più vivo paese dell’entroterra. Complimenti Anita».

Il sogno realizzato da Anita è anche il sogno del direttore dell’Antoniano, Giampaolo Cavalli, che sperava da tempo di poter organizzare questa edizione del concorso canoro: «In questo momento difficile, i bambini hanno perso molto e oggi meritano ancor di più le nostre attenzioni. Con questo pomeriggio su Rai1 vogliamo regalare un momento di festa e di divertimento». La giuria di quest’anno era composta da Pupo, Anna Tatangelo, Cristina D’avena ed Eleonora Daniele insieme un “comitato junior”, composto da 10 bimbi, capitanati da un personaggio dei Buffycats dei 44 Gatti, selezionati attraverso una call sul web e provenienti da tutta Italia.

WhatsApp-Image-2021-05-30-at-20.12.37

WhatsApp-Image-2021-05-30-at-20.12.39
WhatsApp-Image-2021-05-30-at-20.12.39-1

Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

56 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie