mercoledì, Giugno 19, 2024

Viaggio nell’universo
in compagnia di un cosmologo
«Allarghiamo le scoperte e il cuore»

POLLENZA - Il gesuita padre Gabriele Gionti ha chiuso il  ciclo degli incontri su bullismo e cyberbullismo, organizzati da Elisabetta Nardi per l’Istituto comprensivo “V. Monti”

viaggio-nelluniverso
Viaggio nell’universo

È il Cosmologo della Specola Vaticana, il gesuita padre Gabriele Gionti a chiudere il  ciclo degli incontri su Bullismo e cyberbullismo, organizzati da  Elisabetta Nardi per l’Istituto comprensivo “V. Monti” di Pollenza diretto da Catia Scattolini .

Certo, viene da chiedere cosa centri un “Viaggio nell’Universo” con il bullismo. «Ma tu, maestra, come fai a conoscere un cosmologo?”- è proprio questa la domanda di un alunno della maestra Elisabetta Nardi che racconta: «L’amicizia con Padre Gabriele è il frutto di un buon uso delle tecnologie. Nel 2001 entrai per caso nella Chiesa del Gesù Nuovo a Napoli, dove è sepolto San Giuseppe Moscati, un medico che preferì dedicare la sua vita ai poveri e agli ammalati, piuttosto che trascorrere la sua vita ad insegnare. Ritornata a casa, con un e-mail al Gesù Nuovo,  chiesi notizie su questo grande uomo di fede. Mi rispose Fratel Egidio Ridolfo, un gesuita cinquantenne, gravemente ammalato; egli usciva solo per lavoro, quando la salute glielo permetteva. Fratel Egidio mi parlò di S. Giuseppe Moscati e anche di un giovane scienziato, padre. Gabriele Gionti.  Nel 2013 Fratel Egidio morì e io andai al suo funerale a Napoli. Qui ebbi l’occasione di incontrare Padre Gabriele. Rimasi affascinata dalla sua semplicità e disponibilità;  gli chiesi:

«Non potrei venire a Roma con i miei nipoti per visitare la Specola Vaticana? E magari un giorno tu potresti incontrare i miei alunni e alunne. Oggi, a distanza di otto anni, questo desiderio si è realizzato».

incontro-con-il-cosmologo
Padre Gabriele

Le parole della maestra Nardi invitano gli alunni e le alunne a una riflessione sulla tecnologia come strumento che ci aiuta a vivere bene, se usato nella giusta maniera: serve a conoscere nuove persone e l’Universo dove viviamo; ci aiuta a porci delle domande: «Esistono altre forme di vita nell’Universo? L’Universo è frutto della casualità, o di una mente che ha ordinato tutto? E a quale scopo?»

Le domande e le risposte sono tante e anche diverse;  ma è importante mettere in moto la mente e cercare una risposta.

Padre Gabriele inizia, spiegando cos’è la Cosmologia:  è la disciplina che studia l’Universo a larga scala, ossia al di là delle distanze galattiche e si occupa di dare una risposta alla grande domanda: “Come si è formato l’Universo?”

Lo scienziato mostra un bellissimo video: la Terra fotografata da un satellite; ne illustra le caratteristiche astronomiche salienti, allargando lo sguardo verso il sole, i pianeti, le stelle: la Via Lattea, la nostra Galassia. L’Universo, ha spiegato lo scienziato, è molto grande e continua a crescere, ad espandersi così enormemente che, se guardiamo al passato, dobbiamo ipotizzare che all’inizio della sua esistenza, miliardi di anni fa, era molto piccolo: un atomo!

L’osservazione dello spazio avviene oggi con una vasta strumentazione scientifica: i telescopi spaziali, i satelliti che ruotano attorno alla Terra, i radar che captano le onde dello spazio, i viaggi nello spazio: questi dati permettono serie indagini scientifiche.

incontro-cosmologo

Padre Gabriele ha parlato anche della teoria tolemaica e di quella copernicana: la teoria eliocentrica (il sole al centro del nostro sistema planetario), di cui il sacerdote Niccolò Copernico (1473 – 1543) ha dimostrato la verità.

Padre Gabriele ha detto quanto sia stato difficile arrivare a questa evidenza. Per i popoli della Mesopotamia e quindi del Vecchio Testamento, la Terra era piatta, il Sole era sotto l’arco del firmamento e, al di là delle colonne del firmamento, si pensava che ci fosse l’acqua; al di sopra delle nuvole si immaginava che ci fosse Dio, sotto la Terra l’Inferno.

All’epoca di Dante, invece, si credeva che la Terra fosse al Centro dell’Universo e il Paradiso fosse una serie di Cieli disposti come sfere concentriche, ruotanti intorno alla Terra. Il primo Cielo è la Luna, poi Mercurio, Venere, Sole, Marte, Giove e Saturno, per arrivare al Cielo delle stelle fisse e a quello che Dante chiama il Primo Mobile: oltre i nove Cieli si entra nella sede di Dio.

Ma ciò che interessa lo scienziato d’oggi è indagare sempre più profondamente l’Universo.

bambini-incontro-cosmologo
Alunni e alunne

Un’audace bambina lo interrompe: «Perché stiamo andando su Marte?»

Padre Gionti risponde: «Il motivo è che cerchiamo se c’è vita, attuale o passata: questo pianeta è il più simile al nostro per tante caratteristiche. Non cerchiamo alieni, ma virus, cioè forme di vita».

Un ragazzo pone una domanda impegnativa: «Come vanno d’accordo scienza e fede?»

Padre Gabriele precisa che la Bibbia non dice Come è fatto il cielo, ma Come si va in Cielo. È la vecchia risposta di S. Agostino: “La Bibbia non è il libro dei Matematici, ma dei Credenti”.  Scienza dalla Fede, sono due campi diversi. La Genesi, scritta due millenni prima di Cristo, parla di un Dio creatore dell’Universo che crea dal nulla, ed è un discorso teologico; la Scienza non si chiede: “Chi ha creato l’Universo?”, ma: “Come funziona?”. Del resto, se S. Francesco d’Assisi cerca la significazione di Dio nel dizionario delle creature, Galileo Galileo dichiara espressamente di cercare nelle creature le Leggi impresse dal Creatore.

bambini-in-streamingw

E ora, dopo questo Viaggio nell’Universo, una domanda è spontanea:

«Andiamo a cercare forme di vita fra le stelle e i pianeti; sappiamo amare il nostro vicino, il compagno di banco, l’inquilino della porta accanto? Che senso ha allargare le scoperte, se non allarghiamo il cuore?» Se la Scienza troverà nuove persone, la Fede ci dirà di amarle come noi stessi.

La maestra Nardi ci tiene a ringraziare Padre Gabriele con queste parole «Grazie, Padre Gabriele. La tua disponibilità è già una prova di amore. Ed è un augurio:  “Che la ricerca di nuovi pianeti ci porti in quel mondo d’amore, in cui ognuno di noi spasima di vivere”»

luna-cosmologo galassia-cosmologo incontro-cosmologo-terra streaming-incontro-cosmologo

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie