domenica, Maggio 19, 2024

«Ci siamo sporcati le mani
per piantare il nostro bosco urbano»
Giovani giardinieri in azione

RECANATI - Ieri il quartiere Le Grazie si è popolato di alunni e alunne delle scuole cittadine che hanno piantumato centinaia di nuovi alberi. L'idea è di Riccardo Clementoni, operatore della Croce Gialla e Matteo Corvatta dell’associazione “Pian-ti-amo” che attraverso un crowdfunding hanno acquistato le piante

bosco_urbano_recanati-6-1024x768
Alunni e alunne delle scuole di Recanati allavoro

di Francesca Marchetti

Gli alunni e le alunne delle classi quarte e quinte dei due plessi scolastici di Recanati sono stati ieri mattina  i protagonisti dell’iniziativa “Ricicla il tuo albero”, nata da un’idea di Riccardo Clementoni, operatore della Croce Gialla di Recanati, e Matteo Corvatta del comitato “Pian-ti-amo”.

Il progetto inizialmente prevedeva la ri-piantumazione degli abeti di Natale come impegno per garantire la sostenibilità del riciclo degli stessi, ma ha poi preso una piega ancora più interessante. Prendendo spunto dal comitato “Piantiamocela” di Potenza Picena guidata da Marco Fermani, Riccardo e Matteo hanno pensato di coinvolgere quante più persone in un’operazione semplice e trasversale, dove ognuno poteva dare il suo contributo concreto senza particolari competenze. In questo modo hanno pensato di scrivere alle insegnanti delle scuole primarie e di proporre il progetto all’amministrazione comunale.

bosco_urbano_recanati-5-1024x768
Matteo Corvatta e Riccardo Clementoni

«Abbiamo voluto dare un segnale di cambiamento e di concretezza a tutti i cittadini. Grazie all’adesione e all’interessamento degli insegnanti il progetto è potuto finalmente diventare operativo, – afferma Matteo Corvatta – perché è fondamentale costruire insieme un nuovo futuro per la città e per chi la vive.
Vogliamo creare comitati di quartiere per prenderci cura delle aree verdi abbandonate di Recanati. Piantare un bosco urbano è un modo nuovo e diverso di socializzare, sporcandosi le mani si può capire l’importanza che ognuno ha nella società. Vogliamo promuovere il senso di responsabilità di tutti per migliorare l’ambiente e la qualità della vita, – continua Matteo – e i bambini si divertono ad imparare cose nuove che non potrebbero sperimentare in classe».

bosco_urbano_recanati-4-1024x768I due “soci” hanno creato una campagna di crowdfunding tramite la pagina Facebook dell’associazione, raccogliendo risorse utili per l’acquisto di un gran numero di alberi di varietà autoctone: roverella, corniolo, corbezzolo, prugnolo, leccio, tiglio e qualche quercia. La scelta delle piante e le tecniche di lavorazione del terreno sono state sapientemente e generosamente suggerite da due esperti vivaisti della zona.
I due amici hanno coinvolto altri amici e conoscenti e hanno realizzato pochi giorni fa tutte le buche nel terreno, in attesa dell’arrivo dei giovani giardinieri.

bosco_urbano_recanati-7-1024x768
Da sinistra il vice sindaco Scorcelli, il sindaco Bravi, l’assessore Moretti e la presidente della Croce Gialla  Bernacchini con gli ideatori dell’iniziativa

L’iniziativa gode del sostegno dell’amministrazione comunale, che si è dichiarata in passato ben disposta all’intervento dei cittadini per la riqualificazione delle aree verdi della città. Il sindaco Antonio Bravi, il vice sindaco Mirco Scorcelli e l’assessore all’Ambiente Michele Moretti erano presenti all’evento.

bosco_urbano_recanati-1-1024x768 bosco_urbano_recanati-3-1024x768

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie