giovedì, Maggio 23, 2024

“Mammemarchigiane” compie 10 anni
«Così aiuto i genitori»

MACERATA - In occasione dell'anniversario, Silvia Alessandrini Calisti, fondatrice del portale, racconta come è nata l'idea, cosa l'ha spinta a creare il sito e degli obiettivi che si prefigge, oltre alle sue passioni e ai progetti per il futuro

Silvia-Alessandrini-Calisti-intervista-10-anni-mammemarchigiane-1-1024x684
La fondatrice di “mammemarchigiane.it” Silvia Alessandrini Calisti (foto di Simona Muscolini)

di Elisabetta Pugliese

Un figlio è una grande novità, che crea in una neo mamma il bisogno di informarsi e di provare a prepararsi al meglio alla nuova nascita che si avvicina. E’ così per tutte le mamme ma la maceratese Silvia Alessandrini Calisti ne ha fatta una professione. Quando ha iniziato a cercare notizie in rete, infatti, si è resa subito conto che erano piuttosto carenti. È stato proprio questo, oltre all’essere per la prima volta “in dolce attesa”, a spingerla a creare “mammemarchigiane.it”, un sito web che ha da poco festeggiato il suo decimo anniversario. In un’intervista, la mamma e libera professionista ha raccontato l’idea, la sua nascita, la sua fonte di ispirazione e il suo obiettivo, fino ad arrivare alle sue passioni e ai progetti per il futuro. 

Quando e come ha avuto l’idea del sito web?

«Il sito è nato 10 anni fa. Ero incinta del mio primo figlio e come tutte le altre neo mamme ho avuto la necessità di informarmi. Ho iniziato a cercare notizie in rete e mi sono accorta che mancava un vero e proprio connettore di informazioni, anche perché 10 anni fa il web era molto diverso rispetto ad oggi, quindi non riuscivo a trovare ciò che realmente mi serviva. Avevo dimestichezza con il web, perché in passato facevo un altro lavoro in cui mi occupavo di siti. “Mammemarchigiane” è nato un po’ per gioco: inizialmente ho aperto un gruppo su Facebook dedicato alle mamme maceratesi, in modo che potessero scambiarsi informazioni, mettersi in contatto tra loro e fare rete. Da lì ho visto che l’interesse pian piano aumentava, quindi sono passata ad aprire un semplice blog gratuito. Più tardi ho comprato il dominio e ho aperto il portale, che nel tempo si è allargato a tutta la regione Marche».

Di cosa si occupa nello specifico?

«Il sito è un portale informativo che si rivolge alle famiglie di tutta la regione. Propone contenuti diversi, di interesse non solo per genitori, ma anche per gli operatori del settore che vivono nelle Marche o che vengono a visitarle».

Ha una squadra di collaboratori che la affiancano nel suo lavoro?

«No, non ho collaboratori. A volte ho avuto il sostegno di alcune figure che sono state utili per determinati obiettivi, ad esempio Tosca Leboroni, da sempre mia grafica che ha ideato il logo e lo ha rinnovato negli anni. Proprio ieri è stato messo online il nuovo sito. Ho sempre fatto tutto da sola, ma in occasione di questo anniversario ho deciso di rivolgermi ad una professionista esterna, Margherita Pelonara, web designer e libera professionista. Ovviamente nell’organizzazione degli eventi mi hanno affiancato molte persone».

Silvia-Alessandrini-Calisti-intervista-10-anni-mammemarchigiane-2-1024x684
Foto di Simona Muscolini

Qual è l’intento di “Mammemarchigiane”?

«Il suo obiettivo primario è quello di informare. È un connettore di informazioni che possono interessare le famiglie. Scrivo anche articoli di approfondimento con professionisti o esperti di vari settori, come quelli dell’infanzia, della maternità, dell’educazione e della famiglia. Si tratta di un vero e proprio contenitore dedicato alle famiglie marchigiane».

Lei è anche mamma. È difficile conciliare la vita familiare con quella lavorativa?

«Prima ero ricercatrice precaria all’università, poi ho cambiato lavoro e ho avuto un momento di sospensione. C’è stata l’opportunità di “Mammemarchigiane” e mi sono specializzata nel digitale e nel web. Oltre al mio sito, sono una freelance e libera professionista, mi occupo della presenza online di aziende e professionisti, di comunicazione sul web, di social media management e di posizionamento dei siti. Proprio perché è un lavoro da freelance, è molto più difficile da inquadrare rispetto ad un lavoro da dipendente. Non è semplice conciliare tutto, perché l’organizzazione di ogni giorno è sempre abbastanza ad incastro, non ci sono orari, sono online praticamente sempre, ma allo stesso tempo ho molta elasticità. C’è bisogno di una grande organizzazione per suddividere i momenti lavorativi da quelli familiari. Comunque amo il mio lavoro, mi appassiona, per questo continuo a farlo con costanza e dedizione».

Cosa le è stato di ispirazione?

«Certamente la mia prima esperienza da mamma. Non mi ero mai occupata di questo settore, non avevo confidenza con l’ambito family. La maternità mi ha portato ad aprire questa strada e ad incuriosirmi. Da quel momento, c’è stato un continuo crescendo di interesse per i miei contenuti da parte della comunità che si è creata».

Oltre ad occuparsi del sito, coltiva altre passioni?

«Sono appassionata di storia locale. Ho pubblicato due libri, in qualche modo collegati all’esperienza del sito. Il primo è “Sani e liberi – La maternità nella tradizione marchigiana dal XVI al XX secolo” edito da Giaconi, il secondo, invece, è intitolato “Le marche con i bambini”, l’ho scritto a sei mani con altre due colleghe, Vissia Lucarelli e Lucia Paciaroni. Si tratta di una guida turistica delle Marche dedicata alle famiglie con figli da 0 a 13 anni. Al momento sto lavorando ad un terzo libro, un altro saggio storico, spero di concluderlo entro il 2020».

Silvia-Alessandrini-Calisti-intervista-10-anni-mammemarchigiane-4
Silvia Alessandrini Calisti alla consegna del premio Donna Impresa 2016 da parte del comitato di Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Macerata

Progetti per il futuro?

«Sicuramente continuerò con il sito, vorrei impegnarmi a farlo crescere ancora di più e a migliorare i vari servizi che offre, come l’incontro di domanda e offerta di baby sitter, colf ed aiuto compiti, o la mappa dei locali marchigiani a misura di famiglia. Grazie ad altri partner commerciali, poi, ho avuto anche diverse collaborazioni con vari professionisti, come ostetriche, dentisti, ecc. e voglio lavorare per rendere il servizio ancora migliore. Negli anni il portale ha avuto diversi riconoscimenti, ad esempio nel 2015 il Golden Media Marche dal Cesma “Giuseppe Giunchi” e nel 2016 ho ricevuto il premio Impresa Donna dalla Camera di Commercio di Macerata. “Mammemarchigiane” è stato anche menzionato due volte nella Lonely Planet Marche, nel 2016 e nel 2019, come sito che si consiglia per visitare la regione con i bambini. Nell’ultima edizione è stato premiato anche “Le Marche con i bambini”, quindi la soddisfazione si è raddoppiata. Sono certamente motivo di orgoglio, che mi danno la spinta a proseguire ancor più con impegno in questo percorso. Anche se devo dire che la spinta maggiore viene dagli utenti che ogni giorno consultano il sito, perché mi dimostrano che il mio lavoro è utile. Mi auguro che continui così».

Silvia-Alessandrini-Calisti-intervista-10-anni-mammemarchigiane-3-1024x499
La fondatrice del portale riceve il Golden Media Marche nel 2015 dal Cesma “Giuseppe Giunchi”

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie