sabato, Giugno 15, 2024

Spina, Turbo e Petita:
dodici zampe per aiutare bimbi e bimbe

TOLENTINO - I tre cagnolini dell'associazione Noa protagonisti di sei sedute con piccoli con difficoltà psico-motorie

pet_therapy_associazione_noa-3-1024x498
L’associazione Noa

di Francesca Marsili

Si chiamano Spina, Turbo e Pepita, hanno quattro zampe e la loro missione è: aiutare i ragazzi e le ragazze affetti da disabilità. Sono rispettivamente: uno spinone, uno skipperke ed un Cavalier King e sono i cani dell’Associazione Noa di Macerata educati per la pet-therapy, un intervento che affianca le tradizionali cure cercando di migliorare la qualità di vita attraverso il rapporto uomo-animale.
pet_therapy_associazione_noa-6-768x1024

Questa volta, i nostri amici pelosi, dopo aver dato sollievo ai pazienti del reparto di oncologia di Macerata, si sono presi cura di cinque giovani ragazzi e ragazze con difficoltà psicomotorie che fanno parte del gruppo “piccole farfalle creano”, un laboratorio attivato dall’Avulss di Tolentino per adolescenti diversamente abili. Un progetto, quello di Iaa (intervento assistito con animali) realizzato in collaborazione con l’associazione Noa e finanziato dal Rotary locale, che ha trovato sede in alcuni spazi messi a disposizione dall’Istituto comprensivo “G. Lucatelli”. Sei sedute con “il migliore amico dell’uomo” in cui sono stati trattati tre argomenti: le emozioni, il gioco ed i cinque sensi, tutte finalizzate ad accrescere e migliorare la capacità dei ragazzi con disabilità, nell’affrontare piccoli compiti quotidiani e spontaneità di interazione.

pet_therapy_associazione_noa-4-768x1024
La terapia, della durata complessiva di due ore, composta di una parte collettiva ed una individuale, è stata costruita valutando le esigenze specifiche del piccolo paziente assieme ai genitori. Tre le figure professionali presenti ad ogni laboratorio di pet-therapy: un medico veterinario, una referente, che ha monitorizzato che la relazione tra il cane ed il bambino fosse corretta ed un coadiutore che si è occupato di accompagnare l’animale e fare da mediatore tra esso ed i giovani pazienti.
Tutta rosa l’ equipe dell’associazione Noa che ha guidato il progetto, composta dalle dottoresse Chiara Baggio, Maura Morichetti ed Irene Pazzaglia in qualità di veterinarie esperte in zooterapia e coadiutrici e la dottoressa Ludovica Laurini come referente.

pet_therapy_associazione_noa-7-576x1024
Una bella occasione di crescita, perché l’animale stimola la socializzazione, si dona e non ha pregiudizi, ha per i ragazzi, una grande valenza emotiva: accarezzarlo e coccolarlo provoca un gradevole contatto fisico e stimola la creatività e la capacità di osservazione oltre che imparare a prendersi cura di qualcuno diverso da sé.

pet_therapy_associazione_noa-5-768x1024

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie