mercoledì, Giugno 19, 2024

“Donare il sangue è donare la vita”,
oltre 150 disegni per l’Avis

MACERATA - Domani (sabato) la premiazione del concorso alle 17 nell'auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore “Matteo Ricci”

MAESTRI-PRESENTI-E-PREMIATI
La scorsa edizione del concorso

Avis e studenti in festa, nonché nuovamente insieme sabato per il momento conclusivo della dodicesima edizione del concorso di disegno “Donare il sangue è donare la vita”. La cerimonia di premiazione si terrà domani alle 17 all’Auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore “Matteo Ricci” di Macerata, una novità rispetto al tradizionale Istituto per Geometri.

DISEGNI-DEI-VINCITORICome ogni anno l’Avis Comunale di Macerata ha rivolto l’iniziativa al mondo dell’istruzione, trovando una grande ed entusiastica risposta da parte di tutte le scuole primarie sia del capoluogo che delle frazioni. Nello specifico i lavori sono stati realizzati dai piccoli alunni e alunne delle classi quinte e ne sono arrivati in via Calabresi, sede dell’associazione di volontariato, oltre 150. Sabato verranno premiati i disegni più belli nell’espressione artistica, quelli più originali/creativi o che presentano i messaggi più efficaci nel veicolare l’importanza della donazione del sangue. Verrà anche omaggiato il lavoro che ha ottenuto più voti via Facebook e non mancheranno premi per menzioni speciali.

Le opere sono state valutate da un’apposita commissione tecnica composta dalla presidentessa dell’Avis Elisabetta Marcolini, dal responsabile tecnico dell’Atletica Avis Macerata Franco Lorenzetti, ne hanno fatto parte figure del mondo dell’arte e dell’istruzione come Stefano Calisti, Pina Fiori, Cristiana Ricciotti e Costantino Gobbi. Il concorso rafforza il legame tra l’Avis e la scuola, perché l’associazione maceratese crede fortemente nel coinvolgimento delle famiglie e nel sensibilizzare anche i più piccoli sul tema della donazione del sangue. La cerimonia di sabato pomeriggio è aperta a tutti e ogni bimba e bimbo che ha partecipato al concorso riceverà comunque un ricordo.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie