sabato, Giugno 15, 2024

Il calcio non basta:
i giovani si allenano all’umanità

TREIA - Iniziative della società Aurora per la formazione dei giovani atleti: visita alla casa di riposo e alal copperativa Berta 80 e un convegno per i genitori

 

aurora_treia_casa_riposo-2-1024x572
Si è conclusa un settimana importante per i ragazzi dell’Aurora Treia. L’allenamento dei ragazzi del presidente Compagnoni questa settimana non è stato solo fisico ma anche psicologico. L’Aurora Treia nell’ambito del progetto “Aurora Sociale” ha voluto sensibilizzare i propri ragazzi su tematiche non strettamente legate alla pratica calcistica, ma più orientate alla formazione ‘umana’. I ragazzi delle squadre dei Primi Calci, Pulcini ed Esordienti, infatti, accompagnati dai rispettivi allenatori Edoardo Teloni, Sauro Cellocco e Graziano Platano, hanno fatto visita agli anziani ospiti della Casa di Riposo di Treia. Un incontro gioioso che ha regalato un sorriso agli ospiti ma che ha divertito e soprattutto interessato anche i bambini, che hanno ascoltato con entusiasmo i racconti degli anziani ed è servito loro a prendere coscienza di una realtà che non conoscevano.

aurora_treia_casa_riposo-3-1024x572
Una giornata dedicata alla prevenzione delle dipendenze, invece, quella organizzata per i ragazzi più grandi di Giovanissimi e Allievi, che nel pomeriggio di ieri si sono recati nella Comunità Terapeutica “Berta 80” accompagnati dagli allenatori Fabrizio Re e Marco Marini nonché dal responsabile tecnico del settore giovanile Francesco Giorgi, dove sono stati accolti da uno dei responsabile del centro, Don Donato, e dalla psicologa  Claudia Giordani. Dopo una breve illustrazione delle attività svolte dalla comunità terapeutica, i ragazzi hanno ascoltato le testimonianze di alcuni ospiti della comunità, caduti nella trappola della dipendenza dalle droghe o dell’alcool. Testimonianze sincere e toccanti che hanno permesso ai ragazzi di capire quanto sia pericoloso avvicinarsi alle sostanze, anche se si tratta di droghe leggere, poiché spesso si viene trascinati in un vortice dal quale è molto difficile uscire, o quasi impossibile se non aiutati in maniera concreta. In serata gli argomenti affrontati nel pomeriggio dai ragazzi, sono stati esposti in un interessante convegno tenuto dai rappresentanti della comunità ai genitori di tutte le squadre dell’Aurora Treia, nella sala ex-Ipsia di Treia. E’ stato evidenziato dai relatori come lo sport possa essere un importante deterrente alle dipendenze di qualsiasi genere, toccando peraltro argomenti relativi anche ad altri tipi di dipendenza, come gioco d’azzardo o l’utilizzo spasmodico dei social media. E’ nato un avvincente dibattito fra genitori e relatori, che ha reso vivace e interessante la serata, chiusa con l’auspicio di poter ripetere simili esperienze, utili a creare la giusta consapevolezza sia nei giovani sia negli adulti che si occupano della loro educazione.

aurora_treia_casa_riposo-1-1024x498

 

aurora_treia_casa_riposo-2-1024x572 aurora_treia_casa_riposo-3-1024x572 aurora_treia_casa_riposo-4-1024x760

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie