venerdì, Giugno 14, 2024

A Belforte una biblioteca per bimbi e bimbe,
proprio come l’avrebbe voluta
il maestro Mario Ciocchetti

TUTTI INSIEME - Si è realizzato il sogno dell'insegnante, morto lo scorso febbraio a 96 anni. Motore dell'opera è stata la solidarietà: donazioni di associazioni e cittadini hanno permesso di realizzarla

UNIMC_logo_rosso

paola-nicolini_Foto-LB-1-300x223
Paola Nicolini

 

di Paola Nicolini*

Da oggi c’è una nuova biblioteca per le bambine e i bambini di Belforte del Chienti. Un luogo dedicato alla lettura, ma non solo
Nel pomeriggio di domenica, alla presenza di molti bambini, della cittadinanza e delle autorità, è stata inaugurata una nuova biblioteca comunale e scolastica, dedicata in particolare ai più piccoli, a Belforte del Chienti, un Comune dell’entroterra maceratese fortemente colpito dal terremoto.

taglio-del-nastro
Il taglio del nastro della nuova biblioteca

La costruzione di questo luogo si fonda sulla decisione della Giunta locale di voler ampliare le possibilità di apprendimento e di crescita per i propri cittadini più giovani, perché possano sviluppare appartenenza alla comunità locale dando futuro a luoghi che sono a rischio di spopolamento. Allo stesso tempo, però, costruendo conoscenza utile a varcarne i confini per divenire cittadini del mondo, come sempre più richiede l’attualità degli spostamenti e dei flussi migratori.
C’è bellezza e profondità in questa scelta, che privilegia, coniugandole insieme, proprio la cultura da un lato e le giovani generazioni dall’altro, per pensare e tornare a sognare anche un futuro per questi territori.

filastrocca-bambini-istituto-de-magistris
La filastrocca dei bambini e delle bambine dell’istituto De Magistris

Ma c’è dell’altro. La costruzione della biblioteca è il frutto di atti di generosità da parte di cittadini, di aziende, di associazioni, di altri Comuni che hanno donato i fondi necessari e messo a disposizione il proprio lavoro o i materiali. Come è stato ricordato durante la cerimonia, la nostra Costituzione “riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”. Questo vuol dire che la solidarietà è un dovere inderogabile e che l’Italia è un paese che fa della solidarietà un elemento fondante del proprio vivere civile, citandola nel secondo articolo della sua carta costituzionale. In questo caso la solidarietà ha permesso la realizzazione di questo progetto, che da ieri è a disposizione del territorio.

diaframmazero-per-la-biblioteca
E c’è ancora dell’altro, che vale la pena citare. La biblioteca è stata intitolata a un insegnante, il maestro Mario Ciocchetti, che di Belforte del Chienti era un cittadino molto conosciuto e amato. In quaranta anni di lavoro a scuola, aveva fatto crescere molte generazioni che ancora lo ricordano. Tra i suoi sogni e progetti, proprio quello di una biblioteca scolastica. E ora essa c’è, grazie anche al suo impegno. Peccato che il maestro non sia riuscito a partecipare alla sua inaugurazione, perché proprio qualche mese fa purtroppo è morto a ben 96 anni. Ma i suoi familiari, commossi e felici per questo riconoscimento, sono stati presenti a testimoniare la contentezza che sono certi il maestro Mario avrebbe provato nel vedere questo bellissimo e coloratissimo luogo pieno di libri e di magia.

famiglia-ciocchetti-renato-e-pronipote
La famiglia Renato Ciocchetti e il pronipote

La struttura è ora a disposizione della scuola e di chiunque voglia pensarla come uno spazio per svolgere attività culturali legate alla lettura, ma anche al teatro, alla musica, alla multimedialità.

nicole
Nicole Marzaroli, finalista alla 60° edizione dello Zecchino d’Oro, ha cantato durante l’inaugurazione

interni il-taglio-del-nastro

delegazione-cappella-maggiore
Una delegazione del comune di Cappella Maggiore in provincia di Treviso, guidata dal sindaco Vincenzo Traetta

ernesto-catena cerimonia-inaugurale

interni-biblioteca

un-Bel-forte-in-gioco
Un Bel forte in gioco: la manifestazione di ieri
Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie