giovedì, Giugno 13, 2024

Urbisaglia festeggia il 2 giugno
con i “ragazzi del ’99”

CERIMONIA - Si è ripetuta la tradizionale consegna della Costituzione ai diciottenni

02.06.2017.09-1024x648
I diciottenni e le diciottenni di Urbisaglia hanno ricevuto la costituzione

Esattamente 100 anni fa 18 ragazzi di Urbisaglia, appena diciottenni (classe 1899), dopo la disfatta di Caporetto vennero chiamati nelle trincee del Carso a combattere la Grande Guerra. Quale miglior modo di celebrarli se non ricordandoli durante i festeggiamenti del 2 Giugno? Per il comune di Urbisaglia è ormai tradizione consegnare in questa giornata di memoria storica la Costituzione italiana ai diciottenni e alle diciottenni del paese, ma a rendere ancor più speciale la ricorrenza è stata la cadenza storica.  Non solo quest’anno compiono diciotto anni gli ultimi nati del millennio, i ragazzi del ’99, ma ricorrono esattamente 100 anni dalla spedizione dei 18 giovani urbisagliesi. La cerimonia che si è svolta venerdì ha visto la partecipazione anche del sindaco Paolo Giubileo che nel suo discorso ha precisato come fortunatamente i sogni, le aspettative, e le prospettive dei diciottenni di oggi siano di gran lunga superiori a quelle dei loro coetanei di un secolo fa, costretti a incontrare la guerra e qualcuno anche la morte. Anche il sindaco dei ragazzi, Federico Salvucci, ha voluto portare il suo contributo puntualizzando come tutti i ragazzi, e le ragazze, siano chiamati ad apprezzare e a contribuire al progresso della «Repubblica nata dal sacrificio di genitori e nonni».

02.06.2017.01-1024x576
Per l’occasione è stata inoltre aperta la mostra “I Ragazzi del ’99. Urbisaglia 1917-2017”, visitabile fino all’11 giugno, nel loggiato “A. Pantanetti”, che mette a confronto le due generazioni di giovani nati e cresciuti nel comune maceratese. “Ad Urbisaglia – commenta Silvano Fazi, scrittore locale che ha presenziato la mostra –, la generazione del 1899 contava 83 ragazzi e ragazze. Diciotto furono i coscritti, tutti inviati sul Piave. Confrontando la loro vicenda con quella dei ragazzi di oggi non si può che apprezzare il fatto che l’Europa, da fucina di conflitti bellici ricorrenti, sia diventata un continente in cui si è diffuso un sempre più radicato “ripudio” della guerra, sancito dalla nostra Costituzione”. La presidente dell’Anpi, Giovanna Salvucci, promotrice della mostra, ha ringraziando tutti coloro che hanno collaborato e in particolare i coautori Silvano Fazi e Giulio Pantanetti. Rivolgendosi poi ai diciottenni li ha ringraziati per una partecipazione che non era affatto scontata, che è stata scelta preferendola a occupazioni certamente più piacevoli. “La vostra presenza qui, oggi – dichiara la Salvucci -, è un segno di speranza nel vostro impegno futuro. Potevate andare al mare, potevate dormire fino a mezzogiorno, potevate fregarvene completamente di questa noiosa cerimonia. Invece siete qui. Siete qui perché sapete che nessuno potrà costruire il futuro che volete. Dovete farlo voi. Siete qui perché volete prendere in mano questo sogno e dargli le vostre gambe, le vostre idee, il vostro entusiasmo per farlo diventare realtà”.

 

02.06.2017.02-1024x576

02.06.2017.03-1024x576

Leonardo Giorgi
Leonardo Giorgi
Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie