sabato, Maggio 18, 2024

Il circo entra a scuola:
al San Giuseppe arrivano i Takimiri

MACERATA - Presentati i nuovi progetti dell'istituto in collaborazione con la famiglia circense. Per i bambini e le bambine speciali lezioni di ginnastica. Il 27 maggio festa dello sport dedicata a Giovanni Soldini, ispettore del Miur morto lo scorso anno

san-giuseppe-1-di-1-683x1024
I rappresentanti della famiglia Takimiri

Sei mai stato al circo? Quando si entra in quel tendone enorme e colorato succede qualcosa di magico e accade anche ciò che sembra impossibile. La magia del circo a Macerata entra a scuola, all’istituto San Giuseppe dove prenderanno il via due progetti legati al mondo circense.

In programma nel mese di maggio una collaborazione con il Circo Takimiri e la Festa dello Sport.
A partire da oggi, ogni martedì di maggio, i bambini della scuola dell’infanzia e della primaria parteciperanno a speciali lezioni di ginnastica: sarà presente, infatti, la famiglia circense Takimiri, insieme all’associazione La Città dei Balocchi, per il progetto patrocinato dalla Provincia di Macerata “Un Circo possibile”. “Abbiamo voluto portare il circo a scuola per creare stupore e per stupire i bambini – ha spiegato il maestro di educazione fisica Emanuele Santucci – Il circo è scuola di vita, capace di educare”. “Il pubblico ha un grande amore per il circo – ha aggiunto Ulisse Takimiri – Da oggi parte questo importante progetto che speriamo possa far capire che il circo rappresenta un’arte per tutti”. L’istituto ha contattato la famiglia Takimiri, che dirige da anni nel territorio una scuola circense, per organizzare degli incontri a scuola . Nei martedì di maggio saranno presenti Ulisse Takimiri, sua nipote Heidi e sua figlia Tresy, nota per aver preso parte a vari episodi della serie TV “Un medico in famiglia” e Stefano Savio.

maria-ortenzi-e-ulisse-takimiri-1-di-1-1024x683
La dirigente Maria Ortenzi con Ulisse Takimiri

Tutti loro saranno felici di portare la loro arte, il loro stile di vita e cercare di appassionare ogni bambino a quello che da sempre è e rimarrà uno degli spettacoli più belli: il circo. L’istituto San Giuseppe ha voluto così affrontare una sfida per far capire sia agli studenti, che a tutti gli altri, quanta ricchezza possa nascere dal circo sociale, che riconosce e valorizza il ruolo dell’arte e della cultura, in questo caso circense, come agenti potenti nella formazione dei giovani e sviluppare e incrementare la consapevolezza di sé, l’autonomia, la cooperazione, l’autodisciplina e l’autostima incanalando l’entusiasmo dei bambini.
Nel mondo del Circo si vive una realtà di scambio e condivisione e da sempre si convive con colleghi di nazionalità e culture differenti; ogni individuo ha delle capacità diverse da un altro ma entrambi comprendono le loro particolarità ed abilità, a volte differenti tra loro, a volte simili, ad esempio chi non è bravo nella giocoleria scoprirà di essere bravo nel funambolismo, chi nella clowneria e così via. Nel circo prevale sempre il motto “l’unione fa la forza”.

ulisse-e-tresy-takimiri-1-di-1-2-1024x683

foto-Soldini-UniMC
Giovanni Soldini

La dirigente Maria Ortenzi ha annunciato altre novità per l’istituto: “Il prossimo anno le lezioni con la famiglia Tamikiri saranno destinate anche ai ragazzi delle medie. I ragazzi hanno conosciuto e praticato tanti sport diversi e il 27 maggio organizzeremo la Festa dello Sport ai Salesiani. Gli studenti si cimenteranno in tutte le attività sperimentate e anche nel circo. Saranno presenti alcuni giocatori della Lube”. I bambini e i ragazzi dell’istituto durante l’anno scolastico hanno praticato nuoto, bocce, hockey, scherma, tennis, proprio per dare a tutti la possibilità di appassionarsi ad una disciplina sportiva e trovare quella più consona. La festa dello Sport sarà dedicata a Giovanni Soldini, ispettore del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, scomparso lo scorso anno.

san-giuseppe-1-di-1-2-1024x683 san-giuseppe-1-di-1-3-791x1024

Alessandra Pierini
Alessandra Pierini
mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie