lunedì, Maggio 20, 2024

Lo sprint di Melissa Mogliani:
record marchigiano sui 60 metri

IN PISTA - La portacolori dell'Atletica Recanati ottiene ad Ancona il nuovo primato regionale indoor categoria Cadetti con uno straordinario 7"77, che vale anche la migliore prestazione italiana dell'anno

melissa-mogliani-2-204x300
Melissa Mogliani

Melissa Mogliani super ad Ancona. La cadetta, portacolori dell’Atletica Recanati, fa registrare il nuovo primato regionale di categoria nei 60 metri indoor con uno straordinario 7″77, che vale anche la migliore prestazione italiana dell’anno. Dopo un avvio molto equilibrato, spalla a spalla con Greta Rastelli (Atletica Sangiorgese), da metà gara la Mogliani si è portata al comando chiudendo in crescendo fino al traguardo. E’ stato così riscritto il miglior risultato all-time Cadette di ben nove centesimi, appartenente ad Elisabetta Vandi (Atletica Avis Macerata) e fatto registrare sempre ad Ancona il 21 febbraio 2015. È un crono che fa ben sperare per il prosieguo della stagione soprattutto in vista dei campionati per rappresentative, che si terranno proprio nel capoluogo marchigiano il prossimo 5 marzo, e dove la giovane atleta si confronterà con le migliori velociste della categoria del panorama nazionale. Gare che si preannunciano, sin da ora, tra le più avvincenti e di alto contenuto tecnico degli ultimi anni. In casa leopardiana è buona anche la prestazione di Ilaria Marconi che, con 8.71, ritocca il proprio personale e contribuisce alla bella giornata per i colori biancoverdi. Molto soddisfatto il tecnico Alessandro Rovati: “È un risultato eccezionale, figlio dell’impegno e della determinazione di queste giovani ragazze che con passione e costanza si allenano in un gruppo molto affiatato, in un ambiente familiare, sereno e professionale come quello dell’Atletica Recanati”.

melissa-mogliani

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie