giovedì, Luglio 25, 2024

Daniela, la bidella
che saluta per nome
tutti i 263 alunni della sua scuola

RECANATI - L'intervista degli alunni della 5A della scuola primaria "Lorenzo Lotto" dell'istituto comprensivo "B. Gigli" alla loro collaboratrice scolastica

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-31
Daniela Tomassoni è stata intervistata dalla classe 5a A

di Giuliana Gaudini*

Daniela, spumeggiante ed allegra “bidella”, mamma di due figli e nonna, lavora da ben 39 anni nella scuola. Ama tutti i 263 alunni della Scuola primaria “Lorenzo Lotto” come figli e ogni giorno li saluta con un sorriso chiamandoli per nome. L’intervista alla signora Daniela Tomassoni, bidella presso la Scuola primaria “Lorenzo Lotto” dell’Istituto comprensivo B. Gigli di Recanati, rappresenta il momento conclusivo della bellissima esperienza fatta dagli alunni della classe 5°A con due giornalisti, Alessandra Pierini e Marco Ribechi, del quotidiano on line Cronache maceratesi Junior.

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-25
Daniela in classe durante l’intervista

Buongiorno Signora Daniela; siamo contenti di averla in classe, possiamo farle alcune domande?

Buongiorno bambini, grazie,chiedete pure.

Come si chiama?

“Mi chiamo Daniela Tomassoni”.

Dove Abita?

“A Recanati”.

Quanti anni ha?

“Ho 57 anni”.

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-24
La bidella risponde alle domande degli alunni

E’ sposata?

“Sì, sono sposata, sono madre di due figli maschi e nonna di una nipotina.”

Da quanti anni svolge il lavoro di bidella?

“Da 39 anni”

Prima ha fatto qualche altro lavoro?

“Sì, ho lavorato 4 anni in fabbrica”.

Per quale motivo ha deciso di fare questo mestiere?

“Perchè mi piace molto stare con i bambini”.

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-23
La classe 5aA

Quante ore al giorno lavora?

“Dalle 6 alle 10 ore al giorno, a seconda dei turni.

In questa scuola quanti bidelli lavorano?

“Due”.

Come si chiama il suo collega? Ci si trova bene?

“Si chiama Sandro e con lui mi trovo bene”.

Si arrabbia spesso?

“No, poche volte”.

Si ricorda i nomi di tutti i bambini?

“Sì, ma qualche volta mi confondo”.

Come fa a ricordarli tutti e 263?

“Salutando i bambini ogni volta che li incontro”.

Com’era la scuola nel passato?

“Era diversa, i banchi erano uniti a due a due e non c’erano tante cose come ora”.

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-35
Daniela nel disegno di Riccardo

Quanti bambini c’erano nelle classi?

“Nella stessa aula c’erano bambini di 1° 2° e 3° classe; in un’altra quelli di 4° e 5°”.

Com’erano i bambini di una volta?

“Erano più educati e rispettosi, salutavano e ringraziavano”.

La ringraziamo per la disponibilità. E’ stato davvero un grande piacere parlare con lei.

“Prego, anche a me ha fatto piacere parlare con voi”.

Arrivederci Signora Daniela, ogni giorno aspetteremo con grande piacere il suo gentilissimo e affettuoso saluto personalizzato dal nostro nome. Grazie per la sua quotidiana disponibilità.

*Giuliana Gaudini la maestra della classe 5a A

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-32

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-18

corso-giornalismo-scuola-lotto-recanati-26

Marco Ribechi
Marco Ribechi
è l’esploratore della redazione. Ama la natura e gli animali, va in missione con il suo fido compagno Teo. La sua passione sono i viaggi avventurosi. Lui è “Rio”. Soffre il freddo tremendamente e aspetta tutto l’anno l’arrivo del sole e della bella stagione. Per rilassarsi strimpella un po’ la chitarra. Sportivo ha la passione per la bicicletta.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie