giovedì, Luglio 18, 2024

Montemilone Pollenza,
i Giovanissimi premiati in Comune

RICONOSCIMENTO - La squadra, campione regionale di categoria e protagonista alle fasi nazionali, è stata convocata dal sindaco Luigi Monti che ha reso omaggio all'ottimo campionato svolto. Apprezzamenti anche per la vittoria della coppa disciplina, assegnata per la correttezza in campo

giovanissimi montemilone pollenza in comune (1)I giovanissimi calciatori del Montemilione Pollenza omaggiati dal sindaco per l’eccellente campionato svolto. Una grande soddisfazione per  i ventidue giovani calciatori, l’allenatore Alessandro Giorgi, i dirigenti Giuseppina Nicolai, Andrea Matteucci e Michele Pasqualicchio e il presidente Giuseppino Marinangeli. La squadra è stata convocata nella Sala dei Nobile del palazzo comunale dal primo cittadino Luigi Monti e dal consigliere con delega allo Sport Marco Ranzuglia. Motivo della cerimonia è lo splendido anno calcistico Che ha incoronato i ragazzi campioni regionali sfiorando addirittura la grande impresa nella fase finale nazionale dove sono stati sconfitti dalla Vigor Perconti di Roma dopo aver battuto nella prima partita il Gubbio.

giovanissimi montemilone pollenza in comune (3)L’occasione è stata utile per rimarcare il valore dello sport nella crescita delle giovani generazioni. La società calcistica Montemilone Pollenza da anni mette al centro della propria attività non solo la crescita fisica e tecnica dei ragazzi, ma soprattutto la crescita della persona, promuovendo le regole della buona educazione e del corretto comportamento dentro e fuori dal campo. Questo obiettivo si può considerare raggiunto anche quest’anno visto l’assegnazione della Coppa Disciplina 2015 /2016 nella categoria Allievi e nella categoria Giovanissimi Cadetti; aspetto questo che il sindaco Monti ha voluto sottolineare collegandolo al ruolo svolto degli adulti impegnati nelle società sportive del territorio, che devono essere educatori prima che allenatori e tifosi.

Marco Cencioni
Marco Cencioni
è il nostro eroe dello sport. Appassionato di calcio, tocco sopraffino, difensore roccioso fuori e dentro il campo. Sulle sue spalle, sopra il numero 4 campeggia il nick name “Ceng”. Ha lo spirito dell’allenatore. Per lui ogni partita si gioca fino al fischio finale, non si arrende mai. Gira il mondo e la provincia per scovare i giovani campioni che diventeranno gli atleti del futuro.

Articoli correlati

1 COMMENT

  1. Complimenti. Una impresa davvero straordinaria. Per le finali nazionali non devono esserci rammarichi in quanto finchè le Marche dovranno confrontarsi con la squadra campione dell’Umbria (sono alla nostra portata), ma soprattutto con la compagine campione del Lazio raggiungerle sarà un miraggio per tutte le marchigiane. Le squadre di Roma sono ancora di un altro pianeta rispetto a noi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie