mercoledì, Luglio 17, 2024

Dai banchi del liceo a Musicultura,
Perla racconta il suo festival

MACERATA - Grazie all'alternanza scuola lavoro la studentessa del liceo ha vissuto un'esperienza memorabile dietro le quinte della rassegna musicale. In una lettera esprime la sua emozione e la magia delle ultime settimane

musicultura vincitore
Il vincitore di Musicultura Gianfrancesco Cataldo con l’assegno da 20mila euro

Grazie al progetto alternanza scuola-lavoro la studentessa liceale Perla Palmieri ha potuto vivere una bellissima esperienza dietro le quinte di Musicultura. In una lettera racconta come sono andati questi giorni speciali.

*** Articolo di Perla Palmieri

Per me che ho la musica nel cuore ed il desiderio di conoscere nella mente, quest’anno, l’alternanza scuola-lavoro è stata un’occasione fantastica di combinare entrambi e completare la mia persona. Poi Piero Cesanelli, Giacomo Galassi, Paola Cesanelli, Valentina Sbriccoli ed altri dello staff organizzativo mi hanno permesso di concludere il percorso partecipando alla Controra. Ho visto così il mondo del canto, che tanto mi rapisce e di cui vorrei esser anch’io interprete, girarmi vorticosamente intorno. Ho anche potuto percepire meglio tutto l’importante lavoro che c’è per organizzare un grande evento come Musicultura, che non ha nulla da invidiare agli spettacoli televisivi di San Remo od altri.

chiara dello iacovo musicultura
Chiara Dello Iacovo, giovane talento emerso a Musicultura nella passata edizione

In tutto ciò, mi ha colpito l’obiettivo di questa manifestazione che porta la provincia e Macerata alla ribalta nazionale anche come veicolo per scoprire i nuovi talenti ed i giovani: creare la cultura della musica ed intercettare le sensibilità che consentono di diffonderla. Mi è piaciuto!! Coltivare il cuore e l’anima riempendola di musica.. e poi la proposta artistica nuova di miscelare note, arte nelle varie espressioni, saperi, opinioni, costumi, comportamenti per tentare di far emergere un profilo diverso delle nuove generazioni. Così nella serata finale c’è stata l’apoteosi: accanto al giovane vincitore Gianfrancesco Cataldo, poco più grande di me, “eroe” su due fronti – Musicultura ed esame di maturità-, un altro famoso figlio dello Sferisterio maceratese, Simone Cristicchi, ha proposto il suo nuovo e convincente volto di “cantattore” con un’anteprima del suo ultimo lavoro “Il secondo figlio di Dio” che ha lasciato il pubblico interdetto, sia per la sapienza con cui è stato interpretato che per la piacevolezza di condividerlo come occasione di riflessione.

cristicchi frassica
Nino Frassica e Simone Cristicchi

Poi la sagace ironia del grande Nino Frassica ha stemperato i toni, senza nulla togliere all’importante momento di approfondimento. In quest’ultima notte di “stelle e di luci” nella splendida potente cornice dello Sferisterio è stato bello vivere ed assaporare l’epilogo di questo grande percorso, a cui sono felice di aver dato anch’io il mio piccolissimo e modestissimo contributo, e da cui prenderà avvio la prossima ventottesima edizione. Mi piacerebbe però che la canzone popolare accogliesse anche nuovi generi musicali come quello che mi appassiona tanto: il mio amato jazz.

Marco Ribechi
Marco Ribechi
è l’esploratore della redazione. Ama la natura e gli animali, va in missione con il suo fido compagno Teo. La sua passione sono i viaggi avventurosi. Lui è “Rio”. Soffre il freddo tremendamente e aspetta tutto l’anno l’arrivo del sole e della bella stagione. Per rilassarsi strimpella un po’ la chitarra. Sportivo ha la passione per la bicicletta.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie